Bambini maltrattati all’asilo di Vercelli e le maestre vengono sospese dall’attività lavorativa.

Bambini maltrattati , il provvedimento

I bambini maltrattati  e le maestre vengono sospese. Infatti, l’ufficio scolastico regionale ha sospeso dall’attività lavorativa le tre maestre arrestate  dalla polizia. Attualmente le insegnati sono ai domiciliari.

La sospensione

La sospensione delle tre insegnanti è giunta in attesa di conoscere quindi la decisione del giudice.

Gli incontri

La  dirigenza scolastica ha messo inoltre a disposizione dei bambini degli psicologi. Le classi dove insegnavano le tre maestre arrestate sono state assegnate ad altre docenti dell’istituto.

Le indagini

Durante l’attività investigativa, condotta dai poliziotti della locale Squadra Mobile, infatti, sono stati riscontrati ben 52 episodi. Oltre ai maltrattamenti fisici, quali sberle, tirate di orecchie, strattoni, spinte violente, trascinamenti per terra, infatti si sono registrati molti maltrattamenti psicologici. Le tre maestre, infatti, da quanto si è potuto constatare, avevano generato uno stato di terrore all’interno delle classi con urla terrificanti, punizioni spropositate ed umiliazioni di vario genere.

Tradito lo spirito di Korczak”

Sul caso dei bimbi maltrattati alla scuola materna Korczak di Vercelli,  ha parlato  la dirigente scolastica Ferdinanda Chiarello.

Leggi anche:  Luci e giochi natalizi sequestrati

“C’è un’indagine in corso per cui è giusto aspettare che faccia il suo corso. Posso dire che gli insegnanti sono sconcertati e dispiaciuti che questa storia possa mettere in discussione la professionalità di tutto il corpo maestre del plesso. In questo momento sentiamo fortemente tradito lo spirito di Janusz Korczak, che tutela il diritto dei bambini”.

“Non ero a conoscenza”

Circa le indagini, Chiarello spiega: “Non ero a conoscenza che fossero state installate le telecamere nella scuola. Se l’indagine confermerà la veridicità delle accuse allora ben vengano. Se le tre insegnanti arrestate saranno giudicate colpevoli la nostra scuola si costituirà parte civile nel processo. E’ stato offeso il buon nome della scuola e il corpo insegnanti”.