Tav il vercellese spinge per avere la fermata.

Tav

Continua l’iter di incontri  sull’Alta Velocità nella tratta Torino – Milano. E il territorio del basso vercellese, quindi,  prosegue il “pressing” istituzionale per valutare la possibilità di realizzare una stazione di interscambio tra Santhià e Carisio. Nel pomeriggio di lunedì 4 giugno c’è stato un incontro tra Luigi Bobba, ex sottosegretario al Lavoro, e l’assessore regionale ai Trasporti Francesco Balocco.

L’intervento di Bobba

“L’Assessore Balocco – dichiara Bobba – mi ha annunciato che è stata costituita la Commissione tecnica per valutare la possibilità di una stazione intermedia dell’Alta Velocità nella tratta Torino-Milano. Alla Commissione, dunque,  partecipano la Struttura tecnica di missione del Ministero dei Trasporti, l’Agenzia regionale per la mobilita, il Politecnico, RFI e l’Assessorato regionale. I lavori della Commissione prenderanno il via tra pochi giorni e si concluderanno entro l’estate. La Commissione poi riferirà all’assessore e ai Sindaci dei Comuni interessati”.

L’attesa

Già  nello scorso mese di aprile, dunque,  l’ex sottosegretario Bobba si era fatto promotore, proprio a proposito della Tav, di un importante incontro presso il Ministero.  “Molti si sono lanciati – conclude Bobba – in promesse e candidature improbabili su questo tema. Noi, dunque,  aspettiamo i risultati del lavoro di questa Commissione fiduciosi che la nostra proposta – quella di una fermata intermedia a Santhià/Carisio sia la più utile, quindi,  per servire un bacino potenziale circa di due milioni di utenti”.