Blocco traffico ecco chi non può circolare.

Blocco traffico

Dopo quindici giorni di sforamento delle soglie massime di Pm10 nell’aria quella di oggi, mercoledì 27, si preannuncia un’altra giornata nera per gli automobilisti. La quantità di inquinanti nell’aria, infatti, ha spinto il Comune di Torino, dopo un valzer di ordinanze e contro-ordinanze, a bloccare nuovamente la circolazione dei veicoli. La limitazione prevista per oggi che riguarda il capoluogo torinese è particolarmente restrittiva.

Chi non può circolare

Il blocco veicoli privati riguarda le vetture Diesel Euro 0,1,2,3,4,5 Benzina, gpl e metano Euro Zero. E’ in vigore dalle 8 alle 19 per i veicoli adibiti al trasporto persone. Mentre, per quanto riguarda i veicoli adibiti al trasporto merci dalle 8.30 alle 14 e dalle 16 alle 19 (gpl/metano possono circolare), come riportato sul sito internet del Comune di Torino.

La rabbia dei sindaci

I sindaci del territorio hanno chiesto un incontro urgente con la sindaca Chiara Appendino. La sua decisione di sospendere il blocco nei giorni delle festività natalizie è stata considerata come una “fuga in avanti”. Per questo i sindaci della Città Metropolitana hanno inviato al primo cittadino torinese una lettera.

Leggi anche:  Centro giovani domani inaugurazione nuova sede

I comuni che aderiscono al blocco del traffico

Dopo la sottoscrizione del protocollo operativo proposto dalla Regione Piemonte che monitora i livelli di Pm 10, salvo ordinanze di revoca, il blocco scatta automaticamente. I Comuni della Città Metropolitana che hanno aderito e che quindi fanno scattare automaticamente i blocchi sono: Settimo, Venaria. Borgaro, Beinasco, Collegno, Grugliasco, Nichelino, Moncalieri, Orbassano. Ma anche Rivoli, Carmagnola, Chieri, Candiolo, Carignano, Cambiano, La Loggia, Rivalta, Santena, Trofarello e Vinovo.