Divieto di noia chiude l’anno in bellezza.

Un bilancio positivo

Si chiude un anno positivo per l’associazione “Divieto di noia”, nata tre anni da un’ idea di Marilena Cuna. “Un progetto che consente di prolungare le feste sul territorio”. Spiega infatti la presidente Cuna. Con il progetto Viscosa abbiamo fatto un ottimo lavoro”.

Prospettive su casa mia

“Ora Francesca Chiadò, una giovane dottoressa laureata in antropologia che ha portato come tesi di laurea proprio la “Viscosa” porterà avanti questo progetto”. Intitolato “Nuove prospettive su casa mia”, un lavoro di ricerca sul territorio portato nelle scuole. “Perché per conoscere il futuro dobbiamo prima conoscerne il passato”.

Divieto di noia “continua”

Appuntamento con i “Divieto di Noia”che proietteranno un video di Natale presso la Biblioteca Civica”Tancredi Milone”dove i protagonisti saranno i venariesi. ” Divieto di noia viene da voi, nei quartieri e nella periferia della città. Unico impegno: partecipare!”. E’ infatti questo il motto dell’Associazione dove l’unico obbligo è non annoiarsi.