Emergenza cinghiali, Coldiretti Torino chiede azioni tempestive a forte rischio le semine in molte zone della provincia.

Emergenza cinghiali Coldiretti lancia allarme

«La situazione di devastazione dei territori operata dai cinghiali ha raggiunto livelli di vera e propria emergenza e probabilmente non ci si rende conto della gravità». E’ quanto dichiara Fabrizio Galliati, presidente di Coldiretti Torino.

Gli interventi

Galliati chiede infatti gran voce: «una serie di interventi straordinari per contenere la popolazione di cinghiali che ha raggiunto livelli mai visti in precedenza un po’ in tutta la provincia. Si tratta di situazioni particolarmente delicate nella zona del Chivassese, Collina di Cheri e Torino, nell’area Parco della Mandria e zona Canavese. Fino, ad arrivare nelle zone più montane come in Val Susa».

Pericolo per le semine

Fabrizio Galliati aggiunge: «La preoccupazione degli agricoltori è molto elevata e la pazienza è al limite. Infatti siamo prossimi al periodo delle semine.Quindi in molte aree della nostra Provincia gli agricoltori stanno valutando se è ancora opportuno seminare. Questa sarebbe una sconfitta per tutto il sistema che non è più in grado di contenere una situazione divenuta ormai insostenibile».