Meno auto, più bici. E’ questo il progetto realizzato per la zona ovest di Torino perciò anche a Venaria Reale. Il progetto è ViVO.

Meno auto, più bici

ViVO, via le vetture dalla zona ovest di Torino. Anche a Venaria partono gli incentivi a chi usa la bici per andare al lavoro o a scuola

Il progetto

I Comuni lanciano il Progetto sperimentale di mobilità per ridurre il traffico e migliorare la qualità dell’aria. Per migliorare la qualità dell’aria che si respira e disincentivare fortemente lavoratori e cittadini ad utilizzare l’auto privata. Questi Comuni hanno studiato un programma altamente innovativo di azioni: Via le Vetture dalla zona Ovest di torino”. Un progetto che si posiziona al settimo posto su 114 nella graduatoria nazionale dei progetti sperimentali per gli spostamenti casa-scuola e casa-lavoro. UN progetto cofinanziati dal Ministero dell’Ambiente.

L’obiettivo

ViVO vuole sensibilizzare i cittadini e offrire loro l’opportunità di sperimentare nuove modalità di spostamento. Questo grazie ad un piano di incentivi all’acquisto di mezzi non inquinanti come bici elettriche e bici pieghevoli. E poi ancora buoni mobilità, bike to work, campagne di comunicazione mirate alla sicurezza dei ciclisti e alla salute dei cittadini, educazione nelle scuole e nuovi servizi di mobilità, quali l’installazione di due velostazioni dotate di servizi condivisi, box protetti per biciclette nei punti di interscambio e rastrelliere nelle aziende e nelle scuole. Sono partner dunque dell’iniziativa la Regione Piemonte, l’Agenzia della mobilità Piemontese e GTT, coinvolti nello sviluppo e attuazione delle numerose azioni che saranno messe in campo tra la primavera 2018 e la fine del 2019.

Leggi anche:  Via al buio da 10 giorni IL CASO

Tre iniziative

Le azioni di questa stagione primaverile saranno dunque tre. Una prima di carattere educativo, che lavorerà sui cittadini di domani. Una seconda pensata per dare un benefit economico ai lavoratori e residenti che decideranno di acquistare una bicicletta elettrica e che potranno contare su 250 euro e una terza pensata per sensibilizzare gli automobilisti a mantenere le distanze di sicurezza dell’utenza debole della strada, che coinvolgerà GTT e l’Agenzia della Mobilità. Maggiori informazioni saranno presenti sul sito http://www.zonaovest.to.it/