Nuovi nomi alle vie di Mappano, è partita la scelta.

Nuovi nomi, sei intitolate a donne

La decisione è stata presa dalla giunta Grassi. Lo scopo è il riordino della viabilità. Con il pretesto d’invertire una tradizione “tutta maschile”. Dal 1861 si sono intitolate vie a personaggi maschili. Con l’intento di cementare l’unità nazionale del Risorgimento. Lo stesso è avvenuto con la nascita della Repubblica. In entrambi i casi, dimenticandosi gli esempi femminili. Constata il sindaco Francesco Grassi: “E’ una realtà evidente nel nostro Comune. Nessun civico è sotto il nome di una donna”.

Consultazione on-line

Si è già partiti alla ricerca dei personaggi. I cittadini possono avanzare un suggerimento. Tramite i social. Rivolgendosi alla pagina facebook “Mappano in Comune”. In alternativa cercando i riferimenti sul sito internet del Comune. Le “candidate” devono aver svolto azioni di difesa alla Costituzione. I nominativi possono essere locali, nazionali e internazionali.

Vie “doppie”

Il motivo della re-intitolazione è anche un altro. Molte vie hanno lo stesso nome. Quindi devono essere rinominate. Altrimenti si crea confusione per i postini. E disagi per i clienti delle aziende locali. La scelta è stata presa considerando il numero di residenti. Si è voluto pure rispettare il regolamento anagrafico. Secondo cui non può essere attribuito due volte lo stesso nome. Le vie doppie sono sei. Si tratta di: via Leonardo Da Vinci (ex Caselle e Leini), via Enrico Fermi ( ex Leini e Borgaro), via Galileo Galilei (ex Borgaro e Leini), via Tiziano Vecellio (ex Caselle e Borgaro), via Alessandro Volta (ex Borgaro e Leini) e via Mappano (ex Caselle e Borgaro).