Ponte Po di Crescentino negato il finanziamento dal Ministero. Il dispiacere del primo cittadino Fabrizio Greppi che da sempre lavora per la messa in sicurezza di questo tratto.

Ponte Po di Crescentino negato il finanziamento

Se il Comune di Trino può vantare la possibilità di intervenire sul ponte del Po, Crescentino invece no. Lo Stato, infatti, ha stanziato 1,3 milioni di euro per la messa in sicurezza del ponte sul fiume Po tra Trino e Camino ma ha scelto di non finanziare quello della città guidata da Fabrizio Greppi.

 

Il pensiero del sindaco

“Mi permetto – scrive il sindaco Greppi oggi, sabato 5 maggio – però di far presente che il nostro ponte sul Po, oltre ad essere il più lungo del Piemonte, sopporta un quotidiano passaggio di veicoli incommensurabilmente superiore a quello di Trino. Oltretutto, ha un altro ponte a circa 2 km. Il nostro ponte poi è stato da poco interdetto al transito pedonale, non è illuminato e, inoltre a forza di asfaltature su asfaltature il piano viabile si è alzato creando una pericolosissima cunetta sui lati (ciclisti attenzione) con un parapetto che era già basso in origine ed ora è come se non ci fosse e non assolve minimamente ad alcuna garanzia di sicurezza per i veicoli. In più, l’ente proprietario, la Città Metropolitana di Torino ed il suo Sindaco Appendino, se ne strafregano”.