Serpenti lunghi due metri nel centro sportivo di Brandizzo mette (giustamente) in allarme gli operai di un cantiere.

Serpenti lunghi due metri: erano degli innocui biacchi

Da qualche settimana al Servizio di tutela della fauna e della flora della Città metropolitana giungevano alcune segnalazioni. Erano i tecnici del comune di Brandizzo che informavano dell’avvistamento in un’area sotterranea del Centro sportivo del Comune di numerosi serpenti non identificati. Ieri, mercoledì 27 gennaio, nel pomeriggio agli agenti faunistico ambientali della Città metropolitana arrivava un nuovo “allert”.  La telefonata indicava, infatti, che i rettili stavano “svernando” in un anfratto sotterraneo dove si sarebbero dovuti svolgere dei lavori di posa di alcune tubature. Lavori interrotti, ovviamente, perché gli operai, a causa di tale presenza, si rifiutavano, a ragione veduta, di proseguire i lavori.

Scovati decine di rettili non pericolosi per l’uomo

Giunti sul posto, gli agenti si rendevano conto che si trattava di biacchi. Ovvero di Hierophis viridiflavus, questo il nome scientifico che prende il nome dalla livrea verde gialla serpenti del tutto innocui. Serpenti, molto diffusi nelle nostre città e campagne e lunghi fino a 180 centimetri. Appartengono a una specie protetta e sono molto utili come derattizzatori naturali, in quanto si nutrono di topi. Non è difficile incontrarli in anfratti, cavità, garage e cantine dove spesso si rifugiano per trascorrere i lunghi mesi invernali, a Torino come in altre città e paesi.

Leggi anche:  Voragine al centro dell'incrocio traffico deviato

Catturati e portati in un luogo sicuro dove la temperatura non scende sotto lo zero

“Non tutti gli animali selvatici destano gli stessi sentimenti di confidenza e tenerezza”. Questo il  commento della consigliera delegata della Città metropolitana Elisa Pirro. “E i biacchi, che raggiungono dimensioni notevoli, sono di certo fra quelli che destano timore. Il comportamento più razionale da tenere in caso se ne ritrovasse un esemplare è quello di lasciarlo tranquillo. Ma se fosse necessario spostarli, si può chiamare il nostro Servizio tutela fauna e flora della Città metropolitana di Torino. Centro che rivolge la sua attenzione a tutte le specie animali in qualsiasi periodo dell’anno “.