Per le tasse comunali, nessun aumento per il 2018.

Tasse senza rialzi

Tasse comunali senza rialzi. E’ quello che è emerso nel corso dell’ultima seduta consiliare  del 2017 che si è svolta a Fontanetto Po. Il Sindaco  De Marchi ha infatti spiegato che se da una parte ai contribuenti fa piacere avere un’imposta in meno da pagare, bisogna però riflettere che al bilancio comunale manca un introito importante per migliorare servizi utili alla comunità. «Purtroppo  – ha commentato durante il Consiglio, il sindaco Demarchi -. La  legge di stabilità nazionale impedisce di aumentare le aliquote. Quindi dobbiamo far fronte alle necessità di spesa corrente senza poter contare su questa entrata che per il nostro Comune potrebbe aggirarsi sui 56.000 euro».

La Tari

Altro punto di interesse è stata quindi l’approvazione del piano finanziario della Tari (rifiuti). «Abbiamo cercato – spiega ancora il sindaco -, di contenere al massimo la spesa. Rimane invariato rispetto l’anno precedente in 140.000 euro. Purtroppo infatti per tante persone che hanno un comportamento esemplare e si distinguono per alto senso Civico, ce ne sono altre che non si preoccupano affatto di rendere un cattivo servizio alla collettività.  Nel 2017 sono aumentati i quantitativi di rifiuti smaltiti. E’ dipeso anche dalle raccolte straordinarie effettuate lungo le strade».

Leggi anche:  Miglior comandante del Piemonte ECCO CHI E'

Il bilancio 2018

Approvato il DUP il sindaco, Claudia Demarchi è passata ad illustrare il Bilancio 2018/20. Il documento pareggia in 1.708.780,45. «I margini di applicazione dell’avanzo d’amministrazione per finanziare la parte degli investimenti – ha spiegato Demarchi – Sono stretti, l’amministrazione sta lavorando per trovare la soluzione migliore per il paese».

La convenzione sulla sicurezza

Da segnalare infine l’approvazione della convenzione con il Comune di Verrua Savoia. Una convenzione per il servizio di vigilanza. «Un segnale che alla nostra amministrazione sta a cuore la sicurezza del paese e dei suoi cittadini» – conclude De Marchi.