Topi e bisce nei garage. E’ questa la situazione che si trovano a vivere alcuni cittadini di Caluso.

Topi e bisce

Un’area comunale in stato di abbandono risolleva le polemiche dei cittadini residenti in corso Torino. E  precisamente quelli che abitano nei condomini accanto ai campetti da calcio a 5. «È un prato incolto, non un’area verde e nessuno viene a tagliare l’erba. – Lamentano Giovanna e Marina a nome degli altri condomini. – Il problema è che siamo anche confinanti con due cantieri abbandonati. Il risultato è  quindi che ci ritroviamo nei garage i topi e bisce».

I cantieri

Infatti i cantieri a cielo aperto all’interno del centro abitato non sono affatto belli neppure a vedersi. Ma questo è un problema che purtroppo dura da anni. Quindi, per la soluzione l’Amministrazione Comunale si è impegnata su più fronti. «Purtroppo siamo di fronte a situazioni fallimentari che possiamo fronteggiare solo in parte. – Ha più volte dichiarato il sindaco Maria Rosa Cena. – Siamo già riusciti a far realizzare una parte della bonifica. Ma attendiamo a breve una risposta per quanto riguarda la risoluzione del fallimento del cantiere abbandonato».

Il verde

Il problema che suscita polemiche in queste settimane è però l’area verde che, a detta dei residenti, il Comune trascura. «Ci avevano promesso un parco giochi – dicono i residenti – e questo è il risultato«. Tempestiva la riposta del sindaco. «Nell’agosto del 2014, esattamente l’11 – sottolinea Cena – abbiamo approvato una Delibera di Giunta . Infatti si autorizzava la Società Cooperativa U.O.A.C. (Unità Operaia Alto Canavese) di Cuorgnè, di cui faceva parte Drago residente a Caluso, a sistemare l’area in questione per adibirla a parco giochi. Il testo della delibera prevedeva che l’area così urbanizzata rimanesse di proprietà comunale mentre la gestione e la manutenzione della medesima erano in capo alla Cooperativa richiedente».

Leggi anche:  Code sull'autostrada A10 verso il mare

La preoccupazione del sindaco

La preoccupazione del sindaco non si limita a citare il testo della Delibera approvata cinque anni fa. «Sicuramente un’area abbandonata non è mai un segno di positività. – Aggiunge Maria Rosa Cena. – Ancor più quando si tratta di uno spazio verde. Come Amministrazione faremo il possibile per gestire la situazione. Chiediamo però anche la collaborazione dei cittadini residenti . Sia quindi personalmente che come amministratore. Vorrei che passasse il messaggio che prendersi cura del luogo in cui si abita e si vive è una dimostrazione di rispetto nei confronti dell’intera comunità. Non è un favore all’Amministrazione Comunale».