Abbigliamento sequestrato regalato ai poveri.

Abbigliamento sequestrato

Un’altra importante iniziativa benefica del corpo della Guardia di Finanza di Torino in occasione delle festività natalizie. Si tratta della consegna, alla “Piccola Casa della Divina Provvidenza”, più nota come Cottolengo, di 12mila capi di abbigliamento. Sono beni che sono stati sottratti al mercato nel corso di una recente operazione dei finanzieri. Ancora una volta i finanzieri, visto che l’abbigliamento sarebbe andato distrutto, hanno chiesto la possibilità di devolvere in beneficenza parte degli articoli sequestrati.

Il via libera del Tribunale

Il Tribunale di Torino ha dato il via libera all’operazione. Così, accolta l’istanza e rilevata l’effettiva esigenza ed il sicuro utilizzo a fini umanitari della merce confiscata, ne ha disposto la devoluzione, previa rimozione dei marchi distintivi.

I capi consegnati

Tra i prodotti che sono stati donati con questa ennesima iniziativa di solidarietà ci sono, per esempio: calze da uomo, giacche a vento, piumini, maglioni, pantaloni, indumenti intimi e scarpe da ginnastica. Alla consegna dei beni hanno presenziato alcuni religiosi che ogni giorno si adoperano per aiutare i meno fortunati. L’iniziativa della Guardia di Finanza di Torino, si pone nel quadro del costante impegno del Corpo  per la collettività. In questo senso trovano spazio le iniziative benefiche volte ad assicurare la vicinanza del Corpo ai più bisognosi in nome di una maggiore giustizia ed equità sociale.

Leggi anche:  Ritiro patenti più di 4mila in un anno