Antico tesoro confiscato dai carabinieri.

Antico tesoro

I carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio culturale hanno confiscato una preziosa collezione di reperti archeologici. E’ il frutto di un’indagine che, nel settembre 2012, aveva portato al sequestro di 238 reperti di origine etrusca e romana di epoca compresa tra il sesto e il terzo secolo avanti Cristo. Reperti di grandissimo valore storico ed economico: le stime infatti parlano di un valore economico di circa 300mila euro.

Una lite tra eredi

Fu proprio una lite tra gli eredi di un antiquario locale, deceduto negli anni scorsi, a far partire l’indagine dei militari. I carabinieri della Compagnia San Carlo erano infatti intervenuti in un’abitazione per sedare una lite tra gli eredi del defunto. Nel corso dell’intervento, in una credenza del salotto, i carabinieri avevano notato alcuni vasi e ceramiche antiche. Avevano quindi chiesto l’intervento dei militari del Nucleo Tutela Patrimonio culturale per verificare la natura di quegli oggetti.

Gli accertamenti

Le successive verifiche sulla natura dei beni, condotti in collaborazione con la Soprintendenza, e gli approfondimenti di rito sulla vicenda, hanno inoltre permesso di individuare anche altri importanti “pezzi” della collezione antica.