Arrestato estorsore voleva 7 mila euro dalla sua vittima per non subire ritorsioni.

Arrestato estorsore

E’ un cinquantaduenne l’uomo arrestato per estorsione dagli agenti del Commissariato San Paolo. I fatti risalgono a maggio 2017 quando l’uomo, che vantava crediti da diverse persone, si rivolge a un suo conoscente per recuperare il denaro. I due pattuiscono la percentuale per il recupero crediti. Alcuni mesi dopo, l’uomo “assoldato” contatta la vittima e gli riferisce che, del lavoro, avrebbero dovuto occuparsi delle persone le quali, però, sono in carcere proprio a causa del loro interessamento alla vicenda.

La richiesta dei soldi

L’uomo dice poi al suo interlocutore che si tratta di persone molto pericolose, nonché molto arrabbiate per come sono andate le cose. Devono essere comunque pagate per il rischio corso. Da qui nasce la richiesta di denaro, 7.000 euro. Una cifra che la vittima deve consegnare per non subire ritorsioni quando questi usciranno dal carcere. Ritorsioni che avrebbero interessato anche la sua famiglia. Da qui cominciano telefonate, messaggi e perfino lettere intimidatorie per avere i soldi.

Leggi anche:  Marocchino scippa passante è stato arrestato

La consegna

Tutto ciò porta la vittima, ormai in stato di ansia per le pressanti richieste e per la percezione di pericolo, a consegnare al suo estorsore, a fine gennaio, una prima tranche del pagamento, 3.000 euro. Pochi giorni dopo, l’uomo si reca in commissariato per denunciare una rapina ma ben presto ammette la realtà dei fatti. Grazie alle indagini svolte, gli agenti del Commissariato San Paolo hanno quindi arrestato l’estorsore, pochi minuti dopo aver ricevuto gli altri 4.000 euro, nel corso in un incontro organizzato per saldare i 7.000 euro estorti.