Carte carburante clonate da un autista.

Carte carburante clonate: i fatti

Un autista clonava le carte carburante dell’ azienda per cui lavorava. In questo modo permetteva il rifornimento di benzina alle auto private di tutta la famiglia.

La denuncia

L’azienda con sede a Cambiano aveva sporto denuncia. Quindi erano intervenuti i Carabinieri di Moncalieri che hanno così scoperto la truffa. All’azienda risultava infatti un ammanco pari a 50 mila euro. E’ scattata la denuncia per sei persone.

Il materiale per la clonazione

A casa dell’uomo è stato trovato il kit per poter eseguire la clonazione con le relative schede su cui intervenire.