Duplice omicidio Chivasso, caccia ai killer.

Duplice omicidio Chivasso

Ammazzati per aver sconfinato con le loro pecore in un pascolo «proibito». Questo l’atroce possibile movente del doppio delitto di Castelrosso, tanto che i carabinieri sarebbero già sulle tracce di altri due guardiani di bestiame. Infatti, le vittime avrebbero avuto una violenta discussione con loro prima di essere uccise.

Le indagini

Il primo ad arrivare a Castelrosso è il pubblico ministero Giuseppe Drammis, della Procura della Repubblica di Ivrea, accompagnato dagli uomini del Nucleo Operativo di Chivasso.
Dopo pochi minuti ai piedi del traliccio c’è anche il medico legale dell’AslTo4, Olga Veglia. Con il capitano Luca Giacolla inizia ad esaminare il primo cadavere, quello ai piedi del traliccio. Lascia poi il campo ai tecnici della Sezione Investigazioni Scientifiche di Torino. Intanto, uno dopo l’altro vengono accompagnati in caserma i colleghi dei due poveri pastori. Per tutto il tempo sono rimasti a vegliare il cadavere riverso nel prato.

Caccia ai killer

Al momento le indagini proseguono a 360°, e non è chiaro nemmeno quale possa essere il movente. Si tratta di un delitto talmente efferato che non ha precedenti nel nostro territorio.
Stando ad una prima ricostruzione, i due giovani pastori, Constantin Olaru Doru e Corniel Calinciuc sarebbero stati aggrediti nella loro roulotte dopo la mezzanotte.

Leggi anche:  Ambientalisti bloccano mezzi no al taglio dei tigli IL VIDEO

Fuggiti in direzioni diverse

Fuggiti in direzioni diverse, uno a sud e l’altro a est, sono stati raggiunti e massacrati a colpi di pala. Poi, per cancellare le tracce, la roulotte è stata data alle fiamme.

Le motivazioni dell’omicidio

Alla base dell’atroce delitto, che non ha precedenti nel nostro territorio, potrebbe esserci un regolamento per questioni di pascoli: il bestiame da loro seguito, infatti, potrebbe aver sconfinato in un terreno “proibito”. Intanto, sul profilo Facebook dei due pastori, Doru Constanti Olaru e Costel Cornel Calinciuc, di 28 e 38 anni, si moltiplicano i messaggi di cordoglio alle famiglie: quasi tutti, indicano come l’ambito lavorativo la causa della loro morte.

L’esito dell’autopsia

L’autopsia svolta dal medico legale Roberto Testi conferma la morte dei due giovani pastori a causa di un trauma cranico. I due, sempre secondo le prime rivelazioni degli esami, sarebbero stati colpiti da un corpo contundente alla testa. Intanto proseguono le indagini dei carabinieri per scoprire gli assassini.