Dvd taroccati scoperti dalla Guardia di Finanza.

L’operazione

Gli uomini della Guardia di Finanza di Torino hanno scoperto, all’interno di una ditta, oltre 20 software illegali, centinaia di supporti multimediali privi del bollino Siae. Erano destinati alla vendita o impiegati per il noleggio, 6 apparati hardware, tra computer e hard-disk.

Dvd taroccati

I Cd e Dvd “taroccati” non si trovavano sui banchetti improvvisati dei soliti venditori abusivi. Erano invece smerciati da una nota videoteca torinese. Erano stati sapientemente celati tra scaffali ricolmi di supporti multimediali legalmente posti in commercio.

Il passaggio “segreto”

I Baschi Verdi si sono poi imbattuti in un anonimo interruttore. Se azionato, però, non produceva alcun tangibile effetto. Da qui la decisione di approfondire. E così hanno scoperto di trovarsi di fronte ad un vero e proprio “passaggio segreto”, protetto da un meccanismo di apertura degno dei migliori film di spionaggio. Dietro uno uno scaffale c’era infatti una scala che conduce ad una cantina interrata. Qui sono stati ritrovati centinaia di dvd “hard” e altri supporti digitali taroccati.

Leggi anche:  Baby gang pesta giovane donna a Le Gru

I provvedimenti

La rappresentante legale della società, che è stata denunciata alla Procura della Repubblica torinese per le violazioni sul diritto d’autore, rischia sanzioni sino a 35.000 euro.