Numerose le squadre dei pompieri per rimediare all’episodio

 Una ragazzata, un gioco che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi di quelle che hanno costretto, venerdì sera, i residenti di via Raffaello Sanzio, di via Regio Parco e del reticolo di strade limitrofe, a dover chiudere porte e finestre per non restare invasi dalla puzza fastidiosa della paglia bruciata. 
Erano da poco passate le 22 quando un gruppo di adolescenti si è addentrato nell’area adiacente al parco Enrico Berlinguer, tra le vie Sanzio e San Mauro e ha dato fuoco ad alcune delle numerose rotoballe dell’azienda agricola della vicina Cascina Bordina. Un gioco che avrebbe potuto trasformarsi in incidente se uno dei responsabili di questo incendio, evidentemente doloso, fosse rimasto schiacciato da un cilindro di paglia compressa. Una serata d’«inferno», sia per il caldo afoso del fine settimana, sia per la puzza fortissima che si è sollevata nell’aria. Sul posto sono intervenute numerose squadre dei vigili del fuoco arrivate dai distaccamenti di Torino Stura, Volpiano e da altri comandi della Provincia di Torino. I pompieri arrivati all’interno del parco hanno dovuto lavorare a lungo per domare le fiamme e per mettere in sicurezza l’area, e non è bastato il solo intervento di venerdì sera che si è concluso appena dopo la mezzanotte. 
Sabato i mezzi del 115, infatti, sono dovuti tornare al lavoro dopo che alcuni focolai si sono ravvivati. Sono stati proprio i residenti della zona, dopo aver visto il fumo sollevarsi dalle balle di fieno a richiedere nuovamente l’intervento dei vigili del fuoco che hanno lavorato per rimettere in sicurezza l’area.