Operaio morto sciopero alla Gammastamp.

Operaio morto chi era

Era un uomo di 41 anni, Naim Macakdi origine est-europea, l’operaio morto ieri pomeriggio in seguito ad un grave incidente avvenuto alla Gammastamp di Bianzé, nel vercellese. Secondo la ricostruzione della dinamica del grave infortunio, l’uomo è rimasto schiacciato da un pesante macchinario dello stabilimento.

La protesta dei sindacati

“Ci parlano di industria 4.0 e di imprese sempre più innovative, veloci e pronte a rispondere alle continue sollecitazioni del mercato. Qualcosa però all’interno delle aziende continua a non cambiare: si continua a morire”, spiegano dalla Fiom Cgil.

Indetto uno sciopero

Per protestare contro il grave incidente di ieri il sindacato ha indetto uno sciopero nello stabilimento di Bianzé. Un’ora di sciopero su tre turni di oggi, martedì 5 dicembre. I lavoratori incrociano quindi le braccia nel primo pomeriggio e alle 5 di domani, mercoledì 6 dicembre. Fino alle 15 di oggi, inoltre, si terrà un presidio di protesta di fronte ai cancelli della Gammastamp. Un’iniziativa di solidarietà alle famiglie delle vittime sul lavoro e per ricordare il collega scomparso ieri pomeriggio.

Leggi anche:  Pioggia congelata massima attenzione