Parco invaso dalle cacche di cani, la protesta parte da San Mauro.

Parco invaso

Il parco invaso dalle cacche dei cani. A San Mauro cresce la protesta.  Qualcuno ha appeso anche un volantino, per chiedere il rispetto delle regole. E anche su Facebook crescono le lamentele. “Siamo stufi di avere le scarpe piene di escrementi”.

La protesta

I parchi sanmauresi sono molto frequentati dai cittadini, in particolare la pista ciclabile che porta a Torino. I cittadini pretendono soprattutto il buon senso e che chi porta in giro il proprio cane raccolga anche gli escrementi. E’ stato chiesto un intervento diretto anche all’Amministrazione comunale. Non è la prima volta, comunque, che vengono fatte proteste di questo tipo. Anche a San Mauro. La normativa che obbliga i proprietari degli animali a raccogliere gli escrementi vale non solo per i parchi ma in tutta la città.

La normativa

Esiste una normativa specifica che prevede l’obbligo, per i padroni degli animali, di raccogliere gli escrementi prodotti dai loro cani. In caso contrario è prevista anche l’applicazione di una sanzione di carattere  amministrativo. Una protesta, certamente legittima, che sta a dimostrare, comunque, l’esistenza di un problema assolutamente reale. Questo, nonostante la presenza, proprio nei pressi di alcuni parchi, dei cartelli che invitato i proprietari degli animali a raccogliere gli escrementi per non incorrere in multe.