Ragazzo morto nell’incidente sulla 590 la veglia di ricordo.

La veglia di ricordo

Si è tenuta ieri sera, lunedì 8 gennaio, a Casa Acmos di Torino, la veglia per Daniele Giancola. Il giovane volontario che ha perso la vita sabato scorso in un incidente stradale sulla 590. Tanti gli amici e i conoscenti del ragazzo di appena 22 anni che hanno voluto ricordarlo.

La lettera

Presenti alla veglia anche i dodici ragazzi somali che da un anno vivevano con Daniele. Il ragazzo infatti aveva deciso di stabilirsi ad Aramengo per seguire da vicino il progetto di Acmos rivolto ai richiedenti asilo, presso la Casa Asilo. Colpiti dalla tragedia, i suoi coinquilini hanno voluto scrivere una toccante lettera di addio.
“Daniele per noi era più di un amico era il nostro fratello. Era tra i primi italiani che abbiamo conosciuto, e per noi ha rappresentato un’Italia che accoglie perché lui ci ha accolto bene. Per lui non eravamo un numero ma persone e ci ha chiamati per nome. Ci ha dedicato il suo tempo e ha voluto condividere con noi una parte del suo tempo prezioso. Abbiamo vissuto insieme momenti belli. In un anno solo ci ha insegnato molto e regalato tanto. Non dimenticheremo mai per tutto quello che ha fatto per noi. Ci mancherai”

Leggi anche:  Sequestrate 300 piante di marijuana

Ragazzo morto

Daniele Giancola ha perso la vita sabato mattina in seguito a un tragico incidente sulla 590. Con lui, viaggiava Fabiola Petronillo, per tutti Faba, residente a Gassino. Le condizioni della ragazza sono fin da subito apparse gravissime. Trasportata all’ospedale Cto di Torino, infatti, è stata immediatamente operata per le lesioni subite. Le indagini, tuttora in corso, saranno utili per comprendere la dinamica e le cause che hanno provocato la perdita di controllo del mezzo.