Fuochi d’artificio, il sequestro del deposito è avvenuto a Beinasco.

Fuochi d’artificio, l’intervento

 

La Guardia di Finanza di Torino ha sequestrato a Beinasco, oltre 13.000 fuochi d’artificio. Erano destinati ai festeggiamenti per la notte dell’ultimo dell’anno. Per diversi giorni, i Finanzieri del Gruppo Torino hanno osservato i movimenti di un commerciante, gestore di un negozio che vende prodotti per animali nel centro di Beinasco. Infatti, una volta giunto il “carico” di artifizi pirotecnici i “Baschi Verdi” sono intervenuti. Hanno poi accertato, “in diretta”, l’omissione di tutte le misure di sicurezza per lo stoccaggio dell’ingente quantitativo. Merce occultata dietro le confezioni di crocchette per cani e insetticidi tra l’altro altamente infiammabili.

Fuochi fuori norma

I fuochi d’artificio, anche appartenenti alla c.d. cat. “V”, nonché qualcuno dalla dubbia provenienza e senza la prescritta marcatura CE di conformità, tra questi i famosi bengala e le fontane luminose in batteria, non potevano essere immagazzinati con queste pericolose modalità, in virtù anche del fatto che sopra l’attività dell’uomo è presente una palazzina ad uso condominiale.

Leggi anche:  Bambino cade in un torrente

Le persone coinvolte

Sono tre i soggetti, titolari dell’attività, che dovranno rispondere all’Autorità Giudiziaria dei fatti sopra descritti per i quali sono previste pene superiori ad un anno di reclusione.

Saranno fatti brillare

Gli artifici pirotecnici, nei prossimi giorni, verranno fatti “brillare” dagli artificieri in apposita area attrezzata. A carico dei  denunciati è stata inoltrata anche una segnalazione per omissione dolosa di dispositivi contro gli infortuni sul lavoro. Questo perchè i dispositivi di spegnimento non erano prontamente disponibili in caso d’incendio. Sono in corso accertamenti sulla provenienza degli artifizi pirotecnici per i quali è necessaria una idonea abilitazione per la vendita ed il maneggio.

L’avviso

La Guardia di Finanza invita i consumatori a porre la massima attenzione sulle condizioni di utilizzo e di stoccaggio degli articoli pirotecnici a rapida accensione e combustione onde evitare di passare uno spiacevole Capodanno.