Slot illegali sequestrate da Guardia di Finanza

Il sequestro

La Guardia di Finanza di Torino ha finalizzato due controlli nei confronti di attività commerciali per verificare la corretta installazione di apparecchi come slot e videolottery. L’attività operativa ha portato al sequestro di 3 video slot installate all’interno di due bar nella zona “Lingotto” e “Madonna di Campagna” con il relativo incasso. Il ricavo ammonta infatti a 1.624 euro.

Troppo vicine a scuole, chiese e ospedali

In entrambi i casi, gli apparecchi erano infatti nelle vicinanze di luoghi sensibili come scuole, chiese ed ospedali. I giochi sequestrati presentavano delle caratteristiche tecniche non conformi a quanto previsto dalla normativa in materia di pubblica sicurezza e, quindi, non garantivano la regolarità delle giocate a tutela dell’Erario e del giocatore.

Cosa dice la legge

La norma a riguardo è molto rigorosa, infatti per evitare indebite modifiche, prevede delle misure di sicurezza. Stabilite quindi per non permettere il libero accesso alle schede nelle quali è installato il software che regola le comunicazioni telematiche all’erario. Sulle basi di queste informazioni vengono calcolate le tasse dovute e gli algoritmi che determinano le percentuali di vincite e di perdita. Tutto in modo da garantire al giocatore una possibilità di successo.

Leggi anche:  Ladro in Basilicata si nasconde nel torinese

Le sanzioni ai titolari

Nei confronti dei titolari delle attività controllate e dei gestori degli apparecchi sono state elevate sanzioni per 18.000 euro e avviati accertamenti per ricostruire l’ammontare dei proventi non dichiarati. Ai gestori è stata contestata inoltre per di più la mancata diversificazione dell’offerta di gioco.