Traffico animali esotici 46enne finisce nei guai, operazione dei  Carabinieri.

Traffico animali esotici

Nell’ambito di un’operazione portata avanti dai Carabinieri di Rivoli,  per contrastare il presunto traffico di animali esotici e di specie  minacciate di estinzione, un 46enne  è finito nei guai. L’intervento è stato svolto in collaborazione con gli uomini della Forestale.

La perquisizione

Gli uomini dell’Arma hanno perquisito l’abitazione del 46enne, alla  ricerca di elementi probatori di un suo coinvolgimento in un giro nazionale e internazionale nel settore nel traffico illegale di specie protette. Durante il sopralluogo, i militari hanno trovato dieci tartarughe prive di certificazione. Queste, dunque, sono state poi sequestrate con un esemplare di Qeochelone Sulcata, tre esemplari di Testudo Graeca e sei esemplari di Testudo Hermanny.  Gli animali, in buono stato di salute, sono stati affidati in custodia giudiziale all’indagato. Ascoltato dai Carabinieri, l’uomo ha detto, poi,  che si tratta di regali  di conoscenti mentre, ha precisato,  di avere acquistato la Qeochelone Sulcata  in un negozio di Torino.

Leggi anche:  Ragazzo picchiato in piazza denunciato uno studente

Gli Accertamenti

I militari, quindi, stanno portando avanti i dovuti accertamenti del caso per verificare la veridicità della testimonianza rilascia. Il 46enne è stato comunque denunciato per detenzione di animali esotici senza adeguata certificazione. La Convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione è stata firmata negli Usa nel 1973.  Ha lo scopo di regolamentare il commercio internazionale di fauna e flora selvatiche dal rischio di estinzione. Riguarda il commercio di esemplari vivi o morti e mira, dunque,  a impedire lo sfruttamento commerciale delle specie in pericolo.