Treno deragliato è ripartito il secondo autista.

Treno deragliato

Sono passati circa venti giorni dal drammatico incidente ferroviario avvenuto a Caluso il 23 maggio. Una tragedia che è costata la vita al macchinista del convoglio, Roberto Madau, e a uno degli addetti della scorta del trasporto eccezionale. Tanta la commozione per la tragedia e la preoccupazione per episodi analoghi su tutto il territorio. Dopo il disastro ferroviario di fine maggio, infatti, tantissimi cittadini e automobilisti hanno segnalato sui social il mancato abbassamento delle sbarre dei passaggi a livello del territorio, postando foto e video sui social.

E’ ripartito il secondo autista

Finalmente è arrivato il via libera per la partenza del secondo autista del convoglio che componeva la colonna del trasporto eccezionale. Per i giorni trascorsi tra il drammatico incidente e il via libera dell’autorità giudiziaria, quindi, il secondo autista ha vissuto sul tir. “Devo sorvegliare il carico”, ha sempre detto. Catturando l’affetto dei residenti della frazione in cui si è verificata la tragedia che lo hanno, in qualche modo, adottato.

Leggi anche:  Bomba d'acqua su Lauriano paese invaso da acqua e fango | LE FOTO

Le indagini

E intanto proseguono le indagini sul gravissimo incidente ferroviario. La Procura di Ivrea ha da subito aperto un fascicolo d’inchiesta per far luce sulle circostanze dell’incidente e per chiarire la dinamica del caso. Già dalle ore successive alla tragedia, intanto, sui social erano stati pubblicati video che riprendevano il momento dello schianto tra il treno regionale in transito a Caluso e il tir che apriva la colonna dei mezzi del trasporto eccezionale.