Vandali e rifiuti padroni della città. Questa è la situazione drammatica che si registra a Chivasso, sia da Palazzo Santa Chiara ai parchi della città.

Vandali e rifiuti padroni della città

In questi giorni si sono moltiplicate le segnalazioni di atti vandalici e parchi trasformati in discariche.

Dal Comune al parco

Lunedì 28 maggio sotto l’arco che porta al nuovo cortile di Palazzo Santa Chiara sono apparsi due materassi e un vecchio divano. Così, come in qualunque isola ecologica. Ma non c’era un posto meno «in vista» in cui sistemarli in attesa dell’arrivo di Seta? Spostandosi al Bricel, da giorni ormai la bacheca che illustra l’area del parco (lato edificio di presa del Canale Cavour) giace spezzata sull’erba. Sicuramente un atto vandalico, magari con la firma delle stesse persone che hanno trasformato in pattumiera l’area intorno alla vicina panchina, per poi rompere anche il bidone dei rifiuti dall’altro lato del sentiero.

… al parco giochi

Ma la questione decisamente più complessa è quella legata al parco giochi realizzato dal Bennet in via Favorita (a 110 metri dal parco tra la stessa via Favorita e via Pertini, ma questa è un altra storia).
Anche se formalmente è ancora un cantiere, stando al racconto dei residenti non passa giorno senza che decine di ragazzi superino la recinzione, ormai a terra e quindi facile da superare. Mangiano, bevono, fanno rumore «Dalle 7 del mattino a notte fonda, in pratica sono sempre lì», e gettano i loro rifiuti (dalle bottiglie alle confezioni di biscotti, patatine e panini) dove capita. Un vero tappeto di immondizia che qualcuno prima o poi dovrà pulire a spese, come sempre, della collettività.