Costine con patate, un piatto saporito e gustoso, ma solo se ben cucinato. In Valtellina la cucina è ricca e saporita. Ed ecco dunque anche la coscia di cervo alla panna. Se avete ospiti a cena con questi due piatti è impossibile sbagliare.

Costine con patate

Per 4 occorrono 1 kg di costine, 60 gr. di burro, 500 gr. di patate, 2 cucchiai di salsa di pomodoro, brodo, olio, sedano, cipolla, carota, sale e pepe. Tagliare le costine separandole l’una dall’altra, formando cioè tanti pezzi quante sono le ossa. Farle dorare in burro e olio e unirvi poi il sedano, la cipolla e la carota tritate, lasciando insaporire Salare, pepare, ed aggiungere la salsa di pomodoro diluita in un paio di mestoli di brodo; coprire con il coperchio e far cuocere per un’ora e mezza circa. Unire le patate sbucciate e tagliate a grossi pezzi e terminare la cottura aggiungendo, se necessario, altro brodo.

Coscia di cervo alla panna

Per 6 persone occorrono 1 cipolla, 1 manciata di prezzemolo, 2 cucchiaini di pepe, 1 bicchiere di aceto di puro vino, 1/2 litro di panna, sale e ovviamente una coscia di cervo. Si tagli la coscia in bocconcini, a forma di piccoli cubi. A freddo, in una pentola, si metta la carne così tagliata, unendovi una manciata di prezzemolo e una grossa cipolla finemente tritata, spargendovi abbondante pepe e spruzzandovi un bicchiere colmo di buon aceto di vino. Si passi la pentola al fuoco e si lasci rosolare per dieci minuti, aggiungendo brodo e sale. Si cuocia per un’ora, un’ora e mezza, a seconda dell’età del cervo, fino a cottura quasi completa. Unire poi un quarto di litro di panna dieci minuti prima di togliere dal fuoco.