Rievocazione storica per Napoleone. E’ cominciata la manifestazione che renderà ancora più viva Chivasso oggi, sabato 19 e domani, domenica 20 maggio.

Rievocazione storica per Napoleone

Chivasso ha organizzato una rievocazione storica il cui protagonista è Napoleone Bonaparte. Una manifestazione che sta prendendo il via proprio in questi minuti.

Un po’ di storia…

Nel maggio 1800 le truppe del Primo Console francese Napoleone Bonaparte superano le Alpi presso il colle del Gran San Bernardo, decise a riconquistare la Pianura Padana controllata dagli Austriaci. Il 22 maggio presero d’assalto quindi i bastioni di Ivrea. Il loro obiettivo era quindi raggiungere Milano. Per questo motivo Bonaparte ordinò infatti al generale Lannes, comandante dell’avanguardia, di occupare Chivasso.
Duecentodiciotto anni dopo, l’imperatore torna in città per una rievocazione storica fortemente voluta dal «Magnifico coro degli Abbà», guidato da Gianfranco Germani (già regista dell’edizione del 2014), e organizzata in collaborazione con amministrazione comunale, Agricola e Ascom.

Gli eventi

Oggi, sabato 19 maggio, dopo la sfilata tra le vie del centro storico, dalle 17 al parco del Bricel la battaglia tra le truppe francesi ed austro-piemontesi. Dalle 21.15, tra le vie del centro storico, scontri tra le truppe nelle vie del centro storico, arrivo del Generale Lannes e di Napoleone Bonaparte in piazza della Repubblica, cerimonia di consegna delle chiavi della Città.
Domani, domenica 20, invece, dalle 9.30, al parco del Bricel, visita all’accampamento; alle 10.30 quindi, nel centro storico, sfilata delle truppe, e alle 11.30 rassegna delle truppe in piazza Dalla Chiesa e inglobamento della milizia cittadina nell’esercito di Napoleone Bonaparte.

Leggi anche:  Ponte Vecchio chiuso per lo Street Food a San Mauro

Il 25 maggio

Alle 21, al Teatrino Civico di piazza Dalla Chiesa, «Le Combat de Chivasso», spettacolo storico commemorativo: «Chivasso e il periodo napoleonico. La nostra Città al centro della Storia». E’ infatti a cura de L’Officina Culturale. Scritto da Adriano Pasteris, per la regia di Gianluca Vitale. Interpretato infatti da Bruno Fasan, Angela Tomada e Rossano Vitale. Audio, musica e video: Piero Cognasso. Luci: Giuseppe Laguardia.