Raid a scuola manca l’antifurto.

Raid a scuola

Il rientro a scuola, dopo il weekend, per gli alunni della Battisti di via Luserna di Rorà è stato un’amara sorpresa. Alcuni vandali sono infatti riusciti a introdursi nell’istituto torinese, nella notte tra sabato e domenica, imbrattando i muri, rovinando l’arredo scolastico, le lavagne e i computer. Inoltre, con alcuni quaderni hanno fatto un falò. Un gesto indubbiamente gravissimo, ma la scuola non era provvista di antifurto, così come manca un impianto di sicurezza o gli adeguati controlli.

Il caso a Settimo

Purtroppo l’episodio avvenuto alla scuola di Borgo San Paolo, riporta alla mente un episodio altrettanto grave avvenuto proprio nel nostro territorio. Infatti, lo scorso 15 novembre, era stata la scuola Gobetti di via Milano a diventare bersaglio di malviventi. In questo caso, purtroppo, l’incursione era stata una vera razzia di materiale didattico tecnologico. Infatti erano state rubate le lavagne luminose.

La donazione

L’intera comunità, appresa la notizia, si è immediatamente attivata mostrando grande solidarietà alla scuola e ai suoi studenti. Venerdì prossimo, 26 gennaio, un delegato della Nova Coop si recherà all’istituto di via Milano per donare sei tablet, permettendo quindi agli insegnanti e agli alunni di recuperare parte del materiale rubato.