I bisogni del paese spiegati dai due candidati a sindaco di Lauriano,  Matilde Casa e Emmanuele Serlenga.

I bisogni del paese

E’ partito il conto alla rovescia per le consultazioni per l’elezione del sindaco di Lariano. Mancano 11 giorni ancora e poi i residenti di questa realtà collinare dovranno recarsi alle urne. E potranno scegliere tra due candidati: l’attuale primo cittadino Matilde Casa oppure Emmanuele Serlenga. Anche questa settimana abbiamo porto loro una domanda per conoscere meglio il loro programma elettorale. Di cosa necessita Lauriano?

Tutti i candidati

Si vota il 10 giugno

La parola di Casa

«Lauriano, come tutti gli altri paesi, ha bisogno di essere amministrato con competenza e pragmaticità. Ai sindaci viene infatti richiesto un grande lavoro di coordinamento e di recupero di fondi e di gestioni di servizi di varia natura. In questi dieci anni il modo di amministrare è totalmente cambiato.
E’ un sistema complesso di vincoli e responsabilità che si accompagna a minori risorse.
C’è bisogno di grande competenza da parte degli amministratori, di sguardo verso il futuro e grandissima collaborazione con gli altri comuni. Impensabile ormai amministrare guardando unicamente la piazza del paese».

Leggi anche:  Festa del Pd si comincia stasera in collina

Il punto di vista di Serlenga

«Innanzitutto maggiore coesione sociale, migliori rapporti tra maggioranza e opposizione e più frequente coinvolgimento dei cittadini nelle decisioni più importanti nell’Amministrazione. Poi serve un più intenso dialogo con le realtà imprenditoriali locali. Migliore manutenzione delle strade, più frequente pulizia dei rii, sensibilizzando Regione e Città Metropolitana.
Inoltre servono iniziative, per rendere il paese oggetto di attrazione e per riportare le persone nei negozi laurianesi, sostenendo le associazioni, con le quali si deve mantenere un dialogo costante.
Ancora, servono attività di aggregazione per i giovani da un lato, ad esempio tramite l’apertura di un centro giovani, e per gli anziani dall’altro, ad esempio tramite l’avvio dell’Unitre.
Oltre a ciò, è fondamentale un migliore funzionamento dei trasporti».