Chivasso vince ancora anche se non al top contro l’Alessandria e resta in scia della capolista Trino.

Chivasso vince ancora e vola verso la post season

Nella gara contro Alessandria il motore della GeneaBiomed Chivasso fatica ad alzare i giri. Viaggia spesso ai bassi regimi, ma è sufficiente per superare i giovani alessandrini per 58-43. E così facendo i biancoverdi  compiendo un ulteriore passo in avanti verso la post season. La squadra di coach Iannetti è parsa distratta, arruffona ed imprecisa. Soprattutto nella costruzione degli schemi offensivi ed in difficoltà nel reggere gli uno contro in particolare nel primo e nell’ultimo quarto di gioco.

L’Alessandria ha il merito di restare sempre nel match

Alessandria ha avuto il merito di provare a restare sempre in gara: nel primo quarto ha sfruttato una tenera difesa biancoverde per chiudere sul 15-16 i primi 10′ di gioco, mentre poco ha potuto nella fase centrale del match, quando Vai e compagni hanno deciso di alzare la velocità del gioco, soprattutto in difesa. Infatti la gara è stata vinta nel secondo e terzo periodo, in cui la GeneaBiomed ha iniziato a difendere con attenzione, cambiando sui pick and roll e ruotando sui raddoppi vicino a canestro.

Leggi anche:  Tamponamento a catena tre auto incidentate

Partita in cassaforte quando Chivasso allunga a +20

Difesa che ha recuperato così palloni preziosi, tramutati da Morello, Vai e Delli Guanti in punti decisivi per allungare fino al +20. Sistemato il punteggio, lo staff tecnico chivassese decide di dare spazio a tutti gli uomini a sua disposizione ed inevitabilmente la concentrazione cala nell’ultimo periodo di gioco, permettendo agli alessandrini di ridurre lo svantaggio fino al 58-43 finale. Altri due punti per la classifica.

Il Tabellino dell’incontro

GENEABIOMED CHIVASSO 58
ALESSANDRIA 43
(15-16, 37-22, 48-28)
CHIVASSO – S. Delli Guanti 16, Cocco 4, Di Martino, Paz, Cester 8, Vettori, Vai 15, Morello 7, Pagetto, Ratto 4, Migliori 4, Baldin. All. Iannetti
ALESSANDRIA – Candiotto 12, Censabella 4, Moro 4, Benazzo 4, Francescato 3, Brullo 2, Gardino 4, Grattarola 10, Mogni. All. Gaudio
ARBITRI – Sig.ri Einaudi di Torino e Giraudo di Cuneo.