Settimo Pianese finisce in parità il recupero della 15^ di andata, una gara ricca di gol, emozioni e contestazioni da parte della tifoseria viola.

Settimo Pianese nel primo tempo una sola squadra in campo

Tra Settimo Pianese è il match tanto atteso del Girone B di Promozione che non si era giocato lo scorso 15 dicembre a causa della neve. Di fronte le due formazioni che a inizio stagione erano tra le candidate alla vittoria finale del campionato e che invece, adesso, si ritrovano in lotta per un posto playoff. L’inizio è tutto di marca viola con i padroni di casa a fare la partita e la Pianese del nuovo allenatore Riccardo Rista, scelto al posto del dimissionario  Carlo Capobianco , a subire l’iniziativa. In particolare, nei primi 45 minuti, a traditore sono i giocatori più rappresentativi. Ad iniziare da Mariani che commette due errori gravi, i primi della stagione, e spalanca praticamente la porta alla doppietta, con la complicità di Trunfio, del Settimo.

Non si vedono segni di reazione nei collinari

Nonostante il doppio schiaffo in appena 25 minuti La Pianese sembra anestetizzata. Fuori dal match. Sconnessa. Tant’è che i viola, nell’occasione in maglia bianca, comandano il gioco e amministrano il match senza correre particolari pericoli se non nel finale di tempo quando Fucci in contropiede compie la scelta sbagliata. Dalla destra s’invola verso Pascarella, entra in area dal vertice alto e anziché pescare al centro Massimo o Geografo, opta per una staffilata che finisce fuori bersaglio da 10 metri. Quindi, si va al riposo con il Settimo avanti di due gol e il popolo della Pianese abbattuto per quanto visto fino a quel momento.

Nella ripresa entra in campo un’altra Pianese

Settimo Pianese si ritorna in campo. Deve aver urlato parecchio Rista negli spogliatoi durante la distribuzione del the caldo, perché in campo c’è un’altra squadra. Che corre e combatte e dopo neanche due minuti riapre il match. Geografo da sinistra apre in area sul versante opposto l’accorrente Fucci che controlla e spedisce in rete.

Il gol dell’1-2 riapre il match dà speranza

Ora inizia un’altra partita. Combattuta, corpo a corpo, con il giovane direttore di gara Nour Eddine El Yousfi (sezione di Vercelli) che non riesce più a controllare e che inizia a fischiare a chi urlapiù forte di dolore. Riuscirà a sanzionare un fallo anche per una caduta solitaria di un giocatore della Pianese! Ma, purtroppo per il Settimo, quello non sarà  l’errore più grave. La Pianese, dunque, dimezzate le distanze ci crede e spinge e riesce anche a tratti a disegnare buone trame di gioco: fin lì, una vera rarità. Viola, tecnico del Settimo fa delle sostituzioni e corregge l’assetto tattico dal 3-5-2 iniziale ad un 4-3-1-2 per cercare di arginare la folate degli avversari.

Secondo cartellino giallo per Patrone in doccia con 20′ d’anticipo

Ma i piani del tecnico di casa vengono scompaginati al 25′ quando Petrone pesca dal mazzo del direttore di gara il secondo cartellino  giallo e viene espulso. A questo punto Rista, a differenza di quanto fatto domenica nella stessa situazione, toglie un difensore centrale (Trunfio) e inserisce Porticchio giocatore con caratteristiche più offensive. La partita diventa ancora vibrante con i collinari a spingere a testa bassa e il Settimo a colpire in contropiede. E nonostante l’inferiorità numerica le palle migliori per segnare le hanno proprio i padroni di casa ma Padoan, in particolare, e Nelle hanno la possibilità di chiudere il match e non correre più rischi e invece …

Leggi anche:  Dynamic Sport ottimi risultati a Chambery LE FOTO

In pieno recupero arriva la grande beffa

Invece, durante i 5 minuti di recupero su azione di calcio d’angolo la Pianese arriva al pareggio. Dagli sviluppi di calcio d’angolo, dopo un rinvio, la palla ritorna al centro dell’area dove sono rimasti il difensore Ceria e Bava. Tutti sono fermi. Si attende da lì a qualche istante dopo il fischio per posizione di off-side. Ma la bandierina del guardalinee è giù e l’arbitro non ferma il gioco, anzi. Bava a quale punto controlla, si posiziona e a tre metri dalla porta scaraventa in rete tutta la rabbia di una battagli che finirà 2-2.

La contestazione di mister Viola e del pubblico

Il tecnico del Settimo non si trattiene esprime tutto il suo disappunto (eufemismo che cela frasi non pubblicabili) che il guardalinee riporta all’arbitro: espulso. Ma anche il pubblico di casa contesterà l’operato della giacchetta nera per aver concesso un gol che ai più, anche agli stessi avversari, è apparso un regalo di incoraggiamento per il proseguo della stagione. Un punto a testa e in bocca al lupo ad entrambi per l’inseguimento al Bollengo Albiano capolista.

Top & Flop della serata

Settimo Pianese .Per la Pianese il flop è sicuramente Mariani che ha giocato i primi 45′ come non mai. Due suoi errori, lui che è sempre stato impeccabile, che danno il “là” alla doppietta di Melle. Anche se nella ripresa ritorna (in parte) il solito grande centrale di difesa. Tra i top Fucci non solo per il gol,  ma per l’ardore, anzi, per la “garra” che ci mette e che molti suoi compagni non hanno.

Per il Settimo il flop è Padoan. Ha tra i piedi la palla del 3-1 e chiudere il match ma la sbaglia. Poteva mettere il Settimo al riparo dagli svarioni arbitrali. Il top, invece, è Melle per la doppietta. Per le sportellate con cui accetta lo scontro senza remore. E per come aiuta la squadra e detta il passaggio.