Tutto esaurito allo Stadium per la prima stagionale bianconeri a caccia del sesto scudetto co nsecutivo

Gonzalo Higuain entra sul punteggio di parità e risolve il match contro la Fiorentina. Non poteva esserci esordio migliore per la punta argentina, dopo il trasferimento record di questa estate, e tutte le polemiche che hanno accompagnato il suo passaggio in bianconero. I Viola hanno accarezzato il sogno di portare via un punto dal Stadium in delirio per il suo nuovo attaccante: è bastato che si togliesse la patterroni per far tremare lo stadio. OVviamente la squadra di Allegri è ancora un cantiere aperto e in pieno rodaggio ma i margini di questa squadra sono davvero enormi: la capacità del tecnico dovra essere quella di riuscire a  Iva re gi equilibri, non solo in campo, di un gruppo che può realmente puntare all’Europa, oltrecche puntare a riscrievere la storia degli scudetti in Italia.

Una Juventus padrona del campo, non sta dando punti di riferimento ad una Fiorentina che sta capendo poco di quanto sta accadendo allo Juve Stadium. Tra in sei enti da centrocampo, vincente quello di Kedira per il vantaggio, l’anarchia tattica di Dani Alves, la velocità di Dybala per i Viola è un incubo.

Leggi anche:  Guida Michelin, il Piemonte si aggiudica 3 stelle in più rispetto al 2019

Pjanic non recupera a centrocampo e spazio allora nel 3-5-2 della rimonta straordinaria dello scorso anno a Lemina. Gonzalo Higuain parte dalla panchina in attesa di ritrovare la condizione migliore, in attacco Dybala e Mandzukic. L’unica novita della faraonica campagna acquisti, Dani Alves sulla fascia destra.