Dopo la pipì dei cani, multe a chi abbandona mozziconi di sigarette. Il primo cittadino di Crescentino, Vittorio Ferrero ha le idee molto chiare per ottenere una città pulita.

Lotta al degrado

Giro di vite per l’abbandono dei rifiuti di piccole dimensioni sul suolo pubblico, nelle acque, nelle caditoie e negli scarichi. Un monito forte che l’Amministrazione comunale vuole dare ai crescentinesi e a tutti coloro che, a vario titolo, si troveranno a passare per Crescentino.

LEGGI ANCHE: Il cane fa la pipì, padrone non pulisce: multa da 500 euro

Multe a chi abbandona mozziconi di sigarette

Il divieto è rivolto soprattutto all’abbandono irregolare di prodotti da fumo e di rifiuti di piccolissime dimensioni quali scontrini, gratta e vinci, fazzoletti di carta e gomme da masticare.

“Sui marciapiedi prospicienti le attività di pubblico esercizio – hanno spiegato il sindaco Vittorio Ferrero e l’assessore all’ambiente Annalisa Bordignon – si riscontra spesso un indecoroso deposito a terra di mozziconi di sigaretta e altri resti di piccoli rifiuti. Tale comportamento, oltre al grave pregiudizio per il decoro urbano, rappresenta un grave problema per l’igiene e la  salute pubblica in considerazione delle molteplici e potenziali conseguenze che da tali condotte illecite possa derivare oltre che dall’immagine fortemente diseducativa per le nuove generazioni legata al fenomeno di aumento dei fumo tra i minori”.

Per tali motivi è stata emessa un’ordinanza che sanzionerà tutti coloro che abbandoneranno i mozziconi di sigaretta e altri piccoli rifiuti a terra. Secondo la normativa vigente gli introiti derivanti da tali multe andranno per il cinquanta per cento allo Stato e per la restante parte al Comune e saranno utilizzate per campagne di sensibilizzazione sulle conseguenze nocive per l’ambiente derivanti dall’abbandono di prodotti da fumo e piccoli rifiuti nonché per la pulizia del sistema fognario urbano. Inoltre, a far data dal 1 gennaio è fatto obbligo per tutti i titolari di pubblici esercizi, bar, ristoranti, pizzerie, tabaccherie, banche, ufficio postale, esercizi commerciali, studi professionali di collocare nelle immediate vicinanze dei rispettivi ingressi appositi contenitori posacenere; gli stessi saranno esentati dal pagamento della tassa di occupazione del suolo pubblico.

“Speriamo in questo modo di disincentivare tali comportamenti negativi – hanno concluso i due amministratori – e che tale provvedimento sia un semplice deterrente senza per forza dover ricorrere all’emissione di sanzioni”.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Leggi anche:  Lutto nel Rugby San Mauro Torino Official, è morto Claudio Mantovani

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!