Alberi abbattuti al Mauriziano. E a fianco qualcuno – che ovviamente scegli l’anonimato – mette dei cartelli di denuncia con qualche insulto al sindaco Claudio Castello.

Alberi abbattuti, la polemica

Alberi abbattuti al Mauriziano. E a fianco qualcuno – che ovviamente scegli l’anonimato – mette dei cartelli di denuncia con qualche insulto al sindaco Claudio Castello. Si legge: «Sono uno dei tanti alberi tagliati qui in questo parco. Ora sono triste perché l’uomo fa tutto questo? Fate qualcosa per i miei amici». E ancora «Castello sei un i…..».

Il sindaco

Non accetta le provocazioni Castello, preferisce invece dare una spiegazione: «Chivasso, il cui patrimonio arboreo pubblico è di entità molto rilevante (oltre 5.000 esemplari tra viali alberati e piante in parchi e giardini pubblici), dal 2010, sottopone le piante del territorio a periodici controlli dello stato di salute, con l’utilizzo – a partire dall’ultimo decennio – della metodologia V.T.A. (Visual Tree Assessment), grazie alla quale viene valutata la resistenza del legno e di conseguenza la possibilità di schianto.
I controlli di stabilità effettuati con tale metodologia consentono di ridurre il rischio derivante dalla caduta di alberi, rimuovendo o mettendo in sicurezza piante potenzialmente pericolose». Sottolinea il fatto che vengono affidati ad operatori esterni specializzati, che vengono selezionati attraverso appalti specifici e le attività sono sottoposte al coordinamento ed alla supervisione dei tecnici comunali»:
E ancora: «Ogni 3 mesi gli appaltatori consegnano alla città le risultanze delle indagini del patrimonio arboreo analizzato in tale periodo. Le piante classificate in classe D sono da abbattere.
Le piante in classe C/D solo in alcuni casi possono essere ricondotte a condizioni di sicurezza con specifiche tecniche di potatura che riducono soprattutto il peso della chioma per ripristinare la condizione di stabilità; negli altri casi non rimane che procedere con la rimozione dell’albero».
Il nuovo appalto è operativo da gennaio 2010 e sono stati controllati tutti. «Quelli- specifica il primo cittadino- ritenuti potenzialmente pericolosi sono stati, nei mesi passati, o oggetto di potature o di messa in sicurezza, o abbattuti.
Sicuramente verranno tutti ri-piantumati».

Leggi anche:  La pulizia della discarica abusiva costa 20 mila euro

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!