Chivasso, decine di tartarughe abbandonate nel Po.

Chivasso, decine di tartarughe abbandonate

Incontrarle non è facilissimo, ma il vero problema è che loro, qui, in natura, non dovrebbero nemmeno esistere.
Stiamo parlando delle tartarughe palustri americane delle specie trachemys scripta scripta (con le macchie alla base del collo gialle) e le trachemys scripra elegans (con le macchie rosse): in Italia la vendita delle prime è vietato da anni, quello delle seconde dal 2018. Sono le classiche tartarughine che, appunto, si potevano comprare a pochi euro nei negozi di animali o addirittura vincere ai luna park.

Vivono anche 35 anni

Il «problema» è che, portate in casa grandi come una moneta, col tempo (vivono anche 35 anni) hanno raggiunto dimensioni tali da spingere molti proprietari ad abbandonarle in laghi o lungo i corsi d’acqua. A Torino sono ormai ovunque (nel parco del quartiere Santa Rita come alla Pellerina), e anche a Chivasso gli avvistamenti si fanno più frequenti soprattutto lungo le sponda sinistra del Po, all’altezza del ponte per Castagneto.
Come detto, appena sentono l’avvicinarsi dell’uomo si lanciano in acqua nascondendosi nel fondo, ma con un minimo di pazienza avvistarle non è impresa impossibile.

Leggi anche:  La Madonna è apparsa al santuario di Verolengo

Specie autoctone a rischio

Negli anni, queste due specie di tartarughe hanno compromesso la sopravvivenza delle specie autoctone, tra cui la Emys orbicularis di cui si occupa un centro specializzato di Livorno Ferraris.

Abbandonarle è reato

La Città Metropolitana di Torino si occupa da anni del problema, e ricorda come abbandonare una tartaruga sia equiparato a lasciare un cane o un gatto in mezzo a una strada.

 

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!