Contro razzismo e xenofobia, la città scende in piazza. La manifestazione è organizzata da alcuni cittadini, per iniziativa spontanea, ed è prevista sabato pomeriggio, a San Mauro.

La manifestazione

La manifestazione del 16 Febbraio nasce come azione spontanea di un gruppo di cittadini sanmauresi, in risposta alla pesante presenza razzista e xenofoba all’interno di questa città. Un appuntamento che riprende la manifestazione nazionale di alcune settimane fa, sabato 2 febbraio, e che sul territorio aveva visto un esiguo numeri di partecipanti a causa delle condizioni meteo e della concomitanza di altri appuntamenti simili a Torino e in collina.

Contro razzismo e xenofobia

“Da mesi in Italia assistiamo all’attuazione di politiche razziste e fasciste che separano e segregano. La chiusura dei porti, infatti, ha avuto il solo risultato di aumentare i decessi in mare, così come la chiusura e gli sgomberi di diversi centri di accoglienza e aggregazione sociale hanno aumentato il livello di instabilità e di miseria di numerosi uomini, donne e bambini”.

E’ questa la premessa evidenziata dagli organizzatori e che vede, al suo interno, una vasta componente di associazioni e cittadini dalle più diverse storie politiche e sociali. Un evento che punta a riunirli, in modo apartitico e apolitico, senza bandiere e senza polemiche, con il solo intento di dire che San Mauro è per l’accoglienza.

Leggi anche:  Ponte Morandi un anno dopo: scoop della Nasa, si muoveva già dal 2015 VIDEO

Integrazione e solidarietà

“San Mauro è una cittadina che si è sempre battuta per la solidarietà e l’integrazione creando connessioni e scambi tra persone, associazioni e strutture di accoglienza, ma ultimamente anche nel nostro piccolo territorio abbiamo assistito a fenomeni di disumanità – proseguono nella spiegazione dei loro intenti, gli organizzatori dell’evento -. Per questi motivi a distanza di pochi giorni dalla raccolta firme contro il processo al Ministro dell’Interno Salvini per il caso Diciotti, coordinata dal partito della Lega, abbiamo deciso di scendere in piazza per ribadire che San Mauro non accetta e non tollera questo tipo di presenza sul proprio territorio. Inoltre intendiamo sottolineare che San Mauro non protegge chi sequestra e abbandona in mare persone in fuga dalla miseria”.

L’appuntamento

L’appuntamento è per sabato 16 febbraio in piazzale Europa, a San Mauro. Durante l’evento ci saranno numerosi interventi e testimonianze di chi vive l’accoglienza in prima persona, “di chi si scontra quotidianamente con il decreto Sicurezza e tutte le sue imposizioni, di chi ha deciso da che parte stare”.