Il settimese Massimo Ankor ancora al centro della cronaca “rosa” per il due di picche per essere andato all’appuntamento in metropolitana.

Due di picche e “telenovela” on line

Uno dei protagonisti è un giovane particolarmente conosciuto sul territorio settimese, anche in ambito politico. Si tratta di Massimo Ankor che alcuni militanti politici hanno conosciuto la scorsa estate in occasione della festa dell’Unità di Settimo. Dipendente per professione e fotografo per passione. Ed è proprio per questo che nei giorni di festa politica, al parco De Gasperi, si aggirava tra i tavoli intento a fotografare con il teleobiettivo della sua Nikon. E’ proprio lui che, sul finire dell’anno appena passato, ha “denunciato” tra i post del gruppo “Torino sostenibile” quanto gli era da poco accaduto. Un «due di picche» bello e buono ricevuto da una ragazza conosciuta sulla nota piattaforma per incontri “Tinder”.

Il post di denuncia

Con un post pubblicato sulla pagina Facebook di Torino Sostenibile Massimo Ankor ha “denunciato” quanto gli è accaduto nel periodo delle festività natalizie. Ovvero, per meglio dire, ha raccontato il “bidone” ricevuto – apparentemente – per essersi recato in centro a Torino in metropolitana, per raggiungere la donzella da incontrare.

è un problema anche di mentalità.
ieri una ragazza di torino mi ha tirato pacco perchè candidamente le ho scritto che sarei arrivato prima all’appuntamento in piazza san Carlo perchè avevo preso la Metro.
Mi ha risposto via cellulare che non veniva perchè “non si va ad un appuntamento in Metro”🤦🏻‍♂️

la ragazza ha 30 anni

Nessuna descrizione della foto disponibile.

La “telenovela” on line

Considerando i circa 10mila iscritti al gruppo Facebook fondato nel 2011 era prevedibile che tale annuncio potesse suscitare una serie di reazioni tra gli utenti della rete. Ed è infatti, da subito, partito lo schieramento tra i sostenitori di Massimo Ankor e quelli di “Chiara”, la ragazza che ha dato il due di picche e fornito la risposta riportata dal settimese.

Leggi anche:  Il don: "Le campane fino ad agosto non suonano"

La versione di Chiara

Ed è così che, attraverso il profilo di un’amica, nella lunga discussione che – ancora oggi – conta circa 450 commenti, è intervenuta finalmente anche Chiara. Si tratta della ragazza che aveva appuntamento con Massimo Ankor e che gli ha dato buca all’ultimo minuto, attraverso un messaggio telefonico.

«Sono Chiara – ha scritto -, sono una maestra di scuola materna e non ho Facebook per scelta lavorativa. […] Abbiamo iniziato a scriverci su Tinder nel mese di dicembre. Dopo qualche giorno decidiamo di vederci per un caffé, io accetto dopo un po’, ero restia, ma sembrandomi una brava persona accetto. La sua risposta fu “Saprò meritarmi la tua fiducia”, frase corredata da cuoricini e faccine sdolcinate». «Siamo sotto festività natalizie – continua -, si fanno cene con svariate persone. A una di queste mostro il profilo di Massimo, dicendo che avrei dovuto conoscere questo ragazzo. Una di loro afferma di conoscerlo e mi informa che la sua età non era quella da lui indicata. Avrei dovuto semplicemente annullare l’appuntamento? E perché non far capire a un certo tipo di uomini che non sempre possono fare quello che vogliono senza che nessuno dica loro nulla? Il signore si è preso semplicemente un due di picche perché se lo meritava».

“Chiudiamola qui”

E’ questo, netto, il messaggio che Massimo Ankor ha pubblicato anche sui suoi profili social. La “policy” è quella di non rilasciare dichiarazioni sulla vicenda e lasciare che l’attenzione sul caso dell’amore ai tempi dei social e delle app vada man mano a svanire.

forse è il caso di ridimensionare tutti questa mini notizia divenuta la notizia.titoli di codagrazie.

Pubblicato da Massimo Ankor su Martedì 8 gennaio 2019