Esercitazione Protezione Civile: San Mauro rivive l’alluvione. A 19 anni di distanza dalla grande alluvione che ha colpito la città, Sant’Anna si prepara ad affrontare l’emergenza.

Esercitazione Protezione Civile

La protezione civile della Città metropolitana partecipa attivamente alla tre giorni, sia supportando il Comune nell’apertura del Centro operativo comunale (il primo e più importante passo logistico in caso di piccole e grandi criticità sul territorio), sia prendendo attivamente parte all’esercitazione. L’occasione infatti rappresenta un momento di verifica del piano comunale di protezione civile, con simulazioni e interventi per mettere a punto aspetti tecnici della macchina dei soccorsi in caso di necessità.

La simulazione di alluvione

Nella giornata di oggi, sabato 12 ottobre, il momento clou dell’attività. Nella mattinata, infatti, il quartiere Sant’Anna si è trovato a rivivere l’emergenza alluvione, nei giorni dell’anniversario della tragedia. Era il 14 ottobre 2000 infatti, quando la città si svegliò con le sirene di allerta per la piena del Po. Una situazione che, seppur con minore intensità, è stata rivissuta nel 2016, e che rappresenta per i sanmauresi una ferita ancora aperta. I cittadini coinvolti sono stati fatti evacuare e hanno trascorso alcune ore al campo allestito in piazza Nassirya.
Nel pomeriggio, invece, è prevista la ricerca persone in collina, con l’intervento delle unità cinofile a supporto dell’operazione.

Domani la chiusura

Se ieri, venerdì 11, la giornata è stata dedicata all’incontro con le scuole del territorio che hanno avuto l’occasione di visitare un campo base e conoscere le dinamiche che si innescano in occasione di un’emergenza, domani invece si chiuderanno i lavori con alcuni momenti celebrativi. Alle 9, la celebrazione della Santa Messa, a seguire la consegna delle benemerenze a tutti i volontari che in questi anni hanno svolto la formazione e si sono contraddistinti in particolari ambiti.