Experimenta arriva a Settimo Torinese.

Experimenta

La notizia sarà ufficializzata nei prossimi giorni con la pubblicazione della determina dirigenziale che confermerà l’aggiudicazione del marchio regionale alla Città ma Experimenta sarà targato Settimo. Dopo un intenso lavoro l’Ente ha infatti prodotto un progetto che ha convinto la commissione esaminatrice.

Il bando

Il bando prevede un cofinanziamento tra le parti, infatti sebbene 200.000 euro saranno finanziati dalla Regione Piemonte per la realizzazione della kermesse, altrettanto dovrà metterne il Comune. «Portare il marchio Experimenta a Settimo – commenta il sindaco Fabrizio Puppo – è stato sicuramente il raggiungimento di un importante obiettivo. Un lavoro che ha visto impegnati Comune e Fondazione Ecm per redigere un progetto valido. Adesso occorrerà partire con la definizione degli eventi e di quanto richiede il bando. Si stilerà un programma per i prossimi tre anni che sicuramente potrà rappresentare un’occasione di rilancio per l’intera città».

Il traguardo

Una soddisfazione sotto molteplici punti di vista. A entrare nello specifico è la vicesindaca con delega alla Cultura, Elena Piastra, che in quest’ultimo anno ha seguito da vicino l’iter. «Il progetto Experimenta rappresenta un volano per l’intero territorio – spiega -. Innanzitutto per il Borgo Nuovo, quartiere che ospiterà gran parte della kermesse di divulgazione scientifica grazie a una ristrutturazione della Siva. Si tratta quindi dell’ex fabbrica di vernici in cui lavorò Primo Levi e che oggi è completamente inutilizzata. Ma anche per l’intera città, infatti Experimenta sarà un progetto diffuso sul territorio, e coinvolgerà diversi centri, quali la Biblioteca Archimede e l’Ecomuseo del Freidano».

Leggi anche:  Albero invade marciapiede: impossibile camminare

La Città della Scienza

Settimo quindi sempre più «Città della scienza». Il marchio Experimenta infatti sarà per i prossimi tre anni un’occasione di grandi manifestazioni nel campo della divulgazione scientifica.