Famulato allagato: un torrente nei sotterranei. Un video mostra la situazione in via Moncanino, a San Mauro, nonostante i lavori del Comune.

Famulato allagato

E’ stato sufficiente un’acquazzone per far riaffondare – il termine non è casuale – il personale del Famulato Cristiano nello sconforto. Il violento temporale di giovedì scorso ha infatti mostrato come i lavori eseguiti dal Comune, a seguito delle numerose segnalazioni, non abbiano risolto il problema delle infiltrazioni d’acqua nella struttura di via Moncanino. Non solo l’acqua è tornata a inondare i corridoi dei sotterranei di Villa Richelmy, ma la sua intensità è ben più forte di prima dell’intervento che si sperava, invece, risolutivo. 

Il video

A testare l’inefficacia dei lavori, lo stesso personale della casa di riposo che giovedì sera si è ritrovato a tamponare con strumenti di fortuna l’inondazione nella struttura. Problemi che sono stati prontamente documentati con un video in cui si vede chiaramente come l’acqua sgorghi dal muro perimetrale della struttura, dal lato di via Moncanino, ed entri nell’edificio sfociando nel corridoio e incanalandosi in un impianto improvvisato fatto di tubi, bacinelle, stracci e secchi fino a una sorta di tombino. 

«Riparato il primo tratto – si sfoga Antonio, tuttofare del Famulato – l’acqua si trova costretta in altre vie, rispetto a quelle che solitamente percorreva così ci siamo trovati a dover fronteggiare un flusso ben più consistente, anzi direi proprio triplicato, rispetto a com’era prima dell’intervento. Inoltre, il forte odore di fogna ha reso l’aria irrespirabile per alcune ore». 

I lavori

I lavori erano attesi da tempo a Villa Richelmy. Numerose erano state infatti le segnalazioni avanzate dal personale della struttura e perfino dalle ospiti della casa di riposo che avevano sottoscritto una petizione recapitata al sindaco Marco Bongiovanni affinché prendesse provvedimenti. Non solo, la Madre Superiora della struttura aveva perfino incaricato un legale per avviare un iter che ha contribuito a decretare l’urgenza dell’intervento. A seguito dell’ennesimo allagamento e dell’intervento della Smat per aspirare l’acqua con le pompe, il sopralluogo del sindaco e dell’assessora Licia Nigrogno aveva permesso di individuare la causa: alcuni allacciamenti alle condotte fognarie non eseguiti a norma. 

I lavori, realizzati circa tre mesi fa, sembravano quindi portare alla risoluzione del problema, ma restava l’incognita su quali abitazioni della strada collinare scaricassero le acque nere nelle condotte delle bianche. Invece, il temporale di alcuni giorni fa ha mostrato con evidenza come la criticità persista e Villa Richelmy continui a essere “canale di scolo” di via Moncanino. 

Le nuove verifiche

Informata l’Amministrazione comunale, il primo cittadino ha assicurato che nei prossimi giorni partiranno i lavori per un nuovo intervento, nella speranza di risolvere definitivamente il problema che da anni affligge la splendida villa sulla collina sanmaurese, casa di riposo che ospita oltre settanta persone.