Greta è la bimba guerriera che ogni giorno lotta per la vita al fianco della sua famiglia.

Bimba guerriera

Greta Di Giulio è una bambina di sei anni di Villareggia colpita da un’Atrofia Muscolare Spinale. Una malattia neuro muscolare neurodegenerativa. Greta vive circondata dall’amore di mamma Ilaria, papà Davide e del fratellino Enea. Greta è nata di 29 settimane, quindi era piccolissima. Il decorso è stato tranquillo sino ci siamo accorti che Greta, ormai raggiunti i tre mesi, non muoveva le gambe e da lì sono partiti gli esami approfonditi sino ad arrivare alla diagnosi. La sua è un’atrofia muscolare spinale di tipo 1, la forma più grave che costituisce la più comune causa di morte in età infantile.

Il racconto

Mamma Ilaria racconta: «Ho lasciato il lavoro perché la sua è una patologia a rischio. Io, mio marito e gli operatori abbiamo seguito un corso presso la Sapre di Milano per essere “addestrati” a seguire e curare Greta. Imparare a gestire un bambino con la Sma non è semplice, soprattutto quando chi deve farlo sono mamma e papà. Quando Greta ha spento le prime due candeline è stata colpita da una brutta infezione respiratoria. La corsa in ospedale, un mese di terapia intensiva per arrivare allo svezzamento dai macchinari che la tenevano in vita. Ci si trasforma in infermieri, fisioterapisti, in rianimatori quando necessario. Ci si trasforma in super eroi per i propri figli speciali, per far vivere loro una vita il più possibile “normale”, per vedere ogni giorno il sorriso sul loro volto. Nell’ottobre 2017 Greta ha festeggiato il suo sesto compleanno. Ogni suo compleanno è un traguardo; ogni battaglia viene vinta con tanta fatica e successo».

Leggi anche:  Caso Comital le famiglie non hanno nemmeno più i soldi per fare la spesa

Greta a scuola

A settembre ha iniziato la prima elementare presso la scuola primaria di Villareggia. L’esperienza della scuola ha suscitato grande entusiasmo ed interesse in lei, in quanto occasione per vivere da vicino le dinamiche tra coetanei, per crescere ed acquisire nuove competenze. Purtroppo però Greta ha potuto frequentare la scuola solo per due settimane.
Quattro volte alla settimana, un’insegnante si reca a casa della famiglia Di Giulio per dare lezioni alla bambina. La sua patologia infatti non le permette la frequenza quotidiana della scuola perché, per lei, anche un semplice raffreddore può comportare gravi complicazioni respiratorie.

Una manifestazione per lei

Un mare di cappelli rossi per Greta. E’ questo l’intento dell’evento che si svolgerà sabato 16 dicembre in piazza Vallerio a Villareggia. Ci saranno i mercatini di Natale, animazione per i bambini e la merenda sotto l’albero di Natale. Un evento il cui ricavato andrà alle Famiglie Sma (genitori per la Ricerca suill’Atrofia Muscolare Spinale). Una giornata di allegria e solidarietà guidata dallo slogan: «Indossa anche tu un berretto rosso» interamente dedicata a Greta.