Ripulire il fiume Po dai rifiuti. E’ questo quello che ha fatto nei giorni scorsi e lo fa con una certa regolarità, il brandizzese Andrea Barraco. Un’azione che dovrebbe essere d’esempio per molti.

Ripulire il Po

Ripulire il fiume Po dai rifiuti. E’ questo quello che ha fatto nei giorni scorsi e lo fa con una certa regolarità, il brandizzese Andrea Barraco. «Ho trovato un computer, delle latte di vernice – dice Andrea – Sono quattro anni che lo faccio. E’ iniziato tutto per caso quattro anni fa quando ho visto una lavatrice abbandonata. Passi una volta, passi due e poi sono giunto alla conclusione che era importante agire. Non è faticoso raccogliere, lo è smaltire perchè devo portare i rifiuti all’ecocentro di Settimo e alcune volte trovo dei rifiuti che nessuno vuole smaltire. Quando esco a passeggio con i cani, ho sempre un sacchetto in tasca e quello che vedo raccolgo. Negli ultimi anni la situazione è peggiorata di molto sul fatto di abbandono di rifiuti, lasciano di tutto. Nei giorni scorsi quando ho recuperato i rifiuti, un vicino di casa ha assistito alla scena, si è avvicinato e mi ha detto che quel materiale sarebbe stato recuperato dalla Polizia Municipale che era stata avvisata. In quel momento mi si è aperto un mondo credetemi».

Il motivo del suo gesto

Quando chiediamo ad Andrea perchè lo fa, lui risponde: «Lo faccio per mio figlio, per i miei nipoti. Mi rendo conto che è rimasto davvero poco tempo e si deve agire. Se so che posso fare una cosa e non la faccio non mi sento a posto con la coscienza, non vado a letto tranquillo. Come mi sentirei se mio figlio mi dovesse chiedere perchè non l’ho fatto? Non sono bravo io che raccolgo, ma deve passare il messaggio che se tutti agissero pulendo a pochi metri di casa loro tutto andrebbe meglio e sarebbe più utile quello che fanno loro e non quello che faccio io oggi. Vorrei che passasse il messaggio che tutti nel loro piccolo posso fare molto».

Leggi anche:  Strade dissestate, CasaPound “tappa” alcune buche

Un gesto esemplare

Un gesto esemplare quello di Andrea e sarebbe utile non solo ringraziarlo, ma prendere esempio per garantire un futuro ai bambini di oggi.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!