Sull’approvazione del provvedimento per gli imballaggi di plastica, interviene la Federazione Gomma Plastica. L’ente si rivolge al Governo per chiedere più tempo e maggiori incentivi per una transizione sostenibile.

La Federazione Gomma Plastica contro la «tassa»

Sull’approvazione del provvedimento per gli imballaggi di plastica, interviene la Federazione Gomma Plastica. L’ente si rivolge al Governo per chiedere più tempo e maggiori incentivi per una transizione sostenibile.
La situazione, infatti, al momento potrebbe causare la crisi di 3mila aziende del settore, 50 mila i dipendenti coinvolti. E tra questi numeri, anche la Bibo di Settimo Torinese che, proprio in primavera, aveva aperto le porte dello stabilimento a istituzioni per sensibilizzarle sul tema.

L’intervento

«Il tessuto industriale – spiegano dalla Federazione – già sta lavorando nella trasformazione di materie plastiche, nell’ottica di incontrare le crescenti esigenze di sostenibilità. Già oggi, infatti il 15% della plastica utilizzata proviene da economia circolare. Con un adeguato supporto da parte del Governo, l’industria è in grado di raddoppiare questa quota entro il 2030». Da questa premessa, la proposta avanzata dal direttore generale della Federazione Gomma Plastica, Angelo Bonsignori. «La nostra proposta è quella di un credito d’imposta a premialità crescente per le imprese che propongono soluzioni innovative di eco-design, facilitando l’avvio a riciclo e ospitando al proprio interno quote crescenti di materia prima frutto di riciclo – commenta -. Così, il nostro settore potrebbe consolidare la propria posizione di eccellenza in Europa e nel mondo, contribuendo a quel Green New Deal, il piano green per le imprese, su cui il Governo dice di voler investire consistenti energie e risorse».
Federazione che si dichiara scettica in merito all’applicazione della “plastic tax” che metterebbe a rischio la sopravvivenza di 3mila imprese sull’intero territorio nazionale, con 50mila dipendenti e 12 miliardi di fatturato. «Chiediamo di fondare ogni provvedimento legislativo su dati oggettivi e certificati provenienti dall’analisi del ciclo di vita dei prodotti, sulla base di un concetto di sostenibilità globale, che prende in considerazione sia il rispetto dell’ambiente sia la sicurezza e la qualità della vita dei cittadini», prosegue Bonsignori.
Federazione Gomma Plastica sta accompagnando le imprese associate verso la transizione sostenibile lavorando su tre diverse leve: lo sviluppo di nuovi prodotti meno impattanti e più riciclabili, la formazione del personale sulle best practice di salvaguardia ambientale e lo sviluppo di processi di industrializzazione più sostenibili.

Leggi anche:  Lavori ingresso della scuola, il sindaco alle famiglie: "Non create pericoli"

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!