Entro un anno e mezzo Livorno potrebbe avere un tempio crematorio a Livorno Ferraris. Il primo di tutta la Provincia di Vercelli.

In arrivo il primo tempio crematorio

Entro un anno e mezzo Livorno potrebbe avere un tempio crematorio. Dalla discussione informale tra i consiglieri comunali, iniziata lo scorso luglio, era emerso che la provincia di Vercelli è l’unica in tutto il Piemonte a non avere un «tempio della cremazione» e il segretario comunale aveva espresso tutti i contorni della situazione. Nei mesi scorsi è poi arrivata una proposta di partneariato pubblico/privato da parte di una ditta leader nel settore che ha sottolineato come l’area territoriale di Livorno sia logisticamente interessante.

Una grande opera

«L’impresa che ha costruito una struttura identica a Serravalle Scriva ha chiesto un primo incontro, durante il quale ha soddisfatto le nostre iniziali curiosità e domande, essendo una struttura così particolare e su un argomento altrettanto delicato», rivela il capogruppo di maggioranza, Davide Mosca, che fa parte della commissione consiliare istituita ad hoc e composta da Giovanni Vercellotti e dai rappresentanti dell’opposizione Antonio Tamburelli  e Elia Demin. «Si tratta di un’opera da due milioni di euro ma a costo zero per il Comune, che beneficerà di introiti annuali dando il tempio in concessione», annuncia il sindaco Stefano Corgnati. Entro febbraio verrà sentito il parere della commissione e a quel punto la Giunta si esprimerà dando o meno il via libera al bando, mentre nel frattempo è stata portata in deliberazione una variante al piano regolatore in ambito cimiteriale, utile al Comune, indipendentemente dalla buona riuscita dell’operazione. «Coerenti con le scelte fatte in passato, vediamo in questa possibile struttura un passo avanti sia sotto l’aspetto etico sia di servizio ai suoi cittadini, così come risulta importante il fattore di compensazione economica che andrà a favore del nostro paese», sottolinea Mosca.

Leggi anche:  Opportunità per gli under 35: Agenzia giovani in tour in Piemonte

Minoranza favorevole

«Anche il gruppo di opposizione approva il progetto, condividendo tutte le motivazioni espresse dall’amministrazione comunale e sottolineando come tale tempio della cremazione darebbe un servizio non solo ai livornesi ma a tutta la provincia», osserva il capogruppo di minoranza, Chiara Barone. «Il momento nel quale sarà indispensabile porre maggiore attenzione sarà poi quello della stipula della convenzione tra la ditta e il Comune, ma in questa fase preliminare ci è sembrato doveroso, in sede di Consiglio, votare a favore per la modifica al piano regolatore ed avviare così la procedura».

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!