Mozione pro Tav: il Comune di Pray fa arrabbiare quello di Venaus, dove sono stati fatti i primi sondaggi per il maxi-tunnel. Come scrive novaraoggi

Mozione pro Tav: Pray fa arrabbiare sindaco in val Susa

Non è piaciuta per nulla in val Susa la mossa del consiglio comunale di Pray, che ha approvato una mozione a favore della Tav. «Sarebbe stato più giusto informarsi, prima di schierarsi – sbotta il sindaco di Venaus Nilo Durbiano. Se mi vogliono, vengo a Pray a spiegare pubblicamente perché siamo contrari all’opera».

Esplode il caso su Facebook

A innescare la miccia era perà stato l’ex consigliere di opposizione di Trivero, che su Facebook aveva sparato a zero contro Pray: «Vorrei porre solo una questione a tutti gli “illuminati” amministratori di Pray che hanno votato l’inutile mozione pro Tav: se a Venaus fossero coerenti come loro e votassero una mozione pro diga, cosa direbbero?»

La reazione di Venaus

Al di là del dibattito sui social, il sindaco di Venaus è contrariato: «Francamente mi viene da pensare che questa mozione sia figlia di speculazione politica, oppure di una campagna di informazione poco attenta. Se l’amministrazione comunale di Pray o altri centri della zona avessero piacere di approfondire la questione, ben volentieri mi metto a disposizione per un incontro, anche con il contraddittorio. La Valsessera non è così lontana, un paio d’ore e arriviamo senza problemi a spiegare le nostre ragioni. Noi non abbiamo la verità in mano, ma abbiamo tante ragioni che riteniamo concrete e valide».