L’ondata di caldo come si presumeva ha fatto aumentare le chiamate di richiesta aiuto. In una sola giornata la centrale operativa di Torino mille chiamate.

Ondata di caldo

Le temperature registrate negli ultimi giorni sono state veramente superiori alla media. Nei momenti di massimo calore, infatti, si è toccati anche i 43 gradi centigradi. Una situazione veramente difficile da sopportare tant’è che gli Enti, tra cui anche i Comuni, hanno raccomandato massima allerta e invitato le persone a non uscire nelle ore più calde, soprattutto anziani e bambini.

I dati

Nella giornata di martedì 25 giugno sono state 700 le chiamate registrate dalla Centrale operativa di Torino. Il giorno seguente, invece, 848 mentre giovedì 27 giugno sono state addirittura 1000 chiamate.

Le patologie

Nei Pronto soccorsi hanno rilevato che i pazienti per il 40% avevano problematiche cardiovascolare, 13% respiratori e 15% neurologici, (svenimenti, lipotomie).

“Rispetto a stesso periodo anni precedenti c’è un aumento nelle chiamate del 14%. Un dato seppur in aumento comunque nella media – ha spiegato Rita Rossi direttore della CO di Torino – Molti interventi gestiti e risolti direttamente dalla centrale altri si sono risolti al domicilio o in strada, comunque sul posto dell’intervento. Il caldo ha il suo peso nei casi di soggetti con patologie croniche o soggetti fragili.

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Leggi anche:  Erbaluce diventa hotel e scuola di cucina

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!