L’Amministrazione Barberis è giunta al giro di boa di questo suo secondo mandato. Una prima parte di mandato che il vicesindaco Libero Farinelli giudica molto positiva per gli interventi svolti e quelli pianificati per quello che da gennaio sarà la seconda parte di mandato.

I lavori pubblici

«Come promesso è stato terminato il piazzale della stazione, quello che da domenica scorsa è piazza Generale Bonifazio Incisa di Camerana. – spiega fiero Libero Farinelli – In questi mesi abbiamo dunque portato a termine il programma elettorale con il quale abbiamo vinto le elezioni nel 2017».

Le opere realizzate e quelle in cantiere

Poi il vicesindaco con delega ai lavori pubblici entra nello specifico di tutte le opere realizzate o in cantiere: «E’ stato avviato l’appalto che riguarda la riqualificazione di via Roma per oltre 400 mila euro. Questo intervento sarà terminato nella prossima primavera.
Entro la fine dell’anno in corso saranno appaltati i lavori del centro storico, dalla statua di don Bosco sino a piazza Municipio e don Pollo. Un investimento di poco meno di 2 milioni di euro che dovrebbe essere realizzato entro ottobre 2020.
Anche Palazzo Pastoris, sede oggi ancora di alcuni uffici comunali, sarà materia di uno studio di fattibilità. Un lavoro di 300 mila euro che comprende il rifacimento del tetto e il muro di cinta nonché il recupero dei serramenti. Un intervento vincolato alle prescrizione della Soprintendenza dei Beni Culturali che sarà portato a termine entro la fine del 2021.
Gli uffici di Palazzo Pastoris traslocheranno poi a Palazzo Settia una volta terminati i lavori in questo edificio. Quest’ultimo progetto comporta un esborso di 500 mila euro.
Anche il Teatro Appiani è nell’elenco di opere da realizzare dove sorgerà un ostello per i pellegrini, anche questo promesso in campagna elettorale. Un investimento di 300 mila euro.
Vogliamo realizzare la pista ciclabile che unisca Saluggia a Sant’Antonino che si sarebbe dovuta finanziare con le compensazioni ambientali del WMF ma, visto che quest’anno abbiamo ottenuto due annualità di compensazioni nucleari, abbiamo le possibilità di finanziarla anticipando così i tempi di realizzazione dell’opera che partirà da dove termina quella realizzata della proprietà dell’iN’s in via Fiandesio sino alla frazione. Proprio per questo motivo abbiamo dovuto approvare una variazione di bilancio per permettere lo studio di fattibilità. Si tratta di un’opera che costerà complessivamente un milione di euro e risulta esser molto complessa per via degli espropri e della presenza delle rogge. Si tratta di un obiettivo che vogliamo realizzare entro la fine del 2022.
Con tutti questi interventi noi abbiamo pienamente raggiunto il nostro obiettivo con l’approvazione del bilancio».
Intanto come era stato spiegato durante l’ultimo Consiglio, l’Amministrazione ha scelto di realizzare un progetto per il recupero dell’ex Sagrinosa e il territorio sull’asta della Dora Baltea.
«Ci sono anche piccoli interventi – spiega il vicesindaco – come la sistemazione di Casa Miglietta per la Pro Loco, la riqualificazione di via Fiandesio, l’intervento nel capannone comunale dove sorgerà la sede della Protezione civile, la tombatura della roggia di via Gametto in attesa dell’allargamento della strada e il potenziamento dell’illuminazione pubblica».

Leggi anche:  Buoni fruttiferi postali: rimborsi sbagliati per le serie O e P successive al 1° luglio 1986

Il bilancio

Farinelli, che ha la delega al bilancio, spiega invece l‘a grande svolta ’importante decisione che la Giunta vuole adottare: «E’ una grande scommessa quella che il sindaco Firmino Barberis ha già avuto l’occasione di presentare, cioè eliminare la Tari. Al momento stiamo aspettando i pareri, è certamente una scelta importante. Una scelta che per la prima volta viene adottata da un Comune. Abbiamo promosso questa richiesta alla Corte dei Conti, non conosciamo le tempistiche perché mai abbiamo posto un quesito simile. Abbiamo però deciso di inserire il pagamento da parte del Comune, attraverso le compensazioni nucleari, della Tari nel bilancio. Speriamo che tutto quello che abbiamo realizzato e che realizzeremo nei prossimi mesi sia apprezzato perché stiamo lavorando per la nostra comunità. Speriamo venga apprezzato anche dalla minoranza anche se onestamente non mi aspettavo il voto contrario alla variazione di bilancio visto che all’interno di questa c’era la pista ciclabile, opera che era anche all’interno del loro programma elettorale. O il Palazzo Comunale, proposto anche da loro».