Il Presidente del Consiglio di Crescentino Enrico Borgondo sbotta: “Portate a fare la pipì dei cani sui vostri muri”.

Una città sporca

Ancora una volta si punta il dito contro i proprietari dei cani, quelli maleducati. A portare alla ribalta la questione è il Presidente del Consiglio comunale Enrico Borgondo che lo fa documentando il tutto con delle foto.

Il presidente Borgondo

In via Dalmazia e via Dappiano, infatti, ci sono tante tracce di urina. E Borgondo stesso spiega:

«C’è qualcuno che si diverte a portare il proprio cane a fare i bisogni in mezzo alla strada – spiega Borgondo – Oggi qui, domani un po’ più in là, dopodomani da un’altra parte ancora. Queste due vie, dovrebbero essere più pulite delle altre perché sono frequentate dai bimbi e dai ragazzi che vanno rispettivamente alla scuola primaria, media ed alle superiori. Ma è mai possibile che nessuno abbia mai visto chi porta a spasso queste bestiole? C’è da aver schifo. Ditemi chi è o chi sono. Andiamo noi, come Amministrazione, dai vigili a segnalarlare questi soggetti. Documentate, o magari documenteremo prossimamente noi con una telecamera».

Telecamere in arrivo

E infatti, presto Crescentino si doterà delle telecamere trappole movibili così da utilizzarle nei punti più critici.

«Possibile che sia così difficile portarsi appresso una bottiglietta d’acqua quando si va a spasso con la propria bestiola? – commenta ancora Borgondo – Ma è così gratificante portare il proprio cane a urinare sulle proprietà altrui? Ma portateli sui muri e cortili di casa vostra perché le strade sono di tutti».

L’invito dunque è quello di segnalare questo malcostume ai consiglieri.

Leggi anche:  Banca Iccrea diventa capogruppo del Credito cooperativo

LEGGI ANCHE LE ALTRE NOTIZIE DE LA NUOVA PERIFERIA

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook La Nuova Periferia

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale La Nuova Periferia: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!