Prete colpito da emorragia cerebrale mentre dà la Comunione. E’ accaduto domenica scorsa a Torrazza.

Prete colpito dà emorragia cerebrale

Prete colpito da emorragia cerebrale mentre dà la Prima Comunione. E’ accaduto a Torrazza e si tratta di don Patrice Munyentwali. Una Santa Messa molto speciale quella che domenica 19 maggio si stava celebrando nella chiesa parrocchiale di San Giacomo Maggiore a Torrazza Piemonte quando don Patrice Munyentwali si è accasciato a terra, quella della Prima Comunione.

 La vicenda

Aveva appena terminato di impartire la Comunione ai fedeli quando si è sentito male. Immediati i soccorsi da parte di alcuni parrocchiani presenti in chiesa. Il don, nato nel 1964 nel Ruanda, aiutato da queste persone, ha voluto comunque concludere la celebrazione religiosa prima di lasciare la chiesa, dalla porta secondaria, in ambulanza in direzione dell’ospedale civico di Chivasso. Il sacerdote è ancora ricoverato in terapia intensiva.

Momenti di apprensione

Tanta l’apprensione dimostrata sin da subito dai fedeli che hanno pregato per il loro parroco e atteso notizie sullo suo stato di salute perché fin dall’inizio, infatti, la situazione si era dimostrata grave.
Il don, come poco più tardi dall’accaduto ha spiegato il sindaco Massimo Rozzino, è stato colpito da un’emorragia celebrale ma fortunatamente sin da subito era vigile e collaborativo con i medici dell’ospedale.

Leggi anche:  Grande impresa, a 89 anni attraversa il lago di Viverone a nuoto

Nominati i sostituti

E mentre i suoi fedeli e le comunità dei paesi vicini continuano a pregare per lui, il Vicario generale don Gianmario Cuffia spiega: «Non sarà nominato alcun sostituto di don Patrice che presto tornerà nella sua parrocchia. Per il momento celebreranno le funzioni nella chiesa parrocchiale di Torrazza e in quella di Casabianca, frazione di Verolengo, i frati Oblati di San Giorgio Canavese mentre la domenica pomeriggio sarà don Gino Casardi, già parroco di Rondissone e celebrante a Busignetto di Verolengo, a officiare le funzioni nella piccola chiesa di Borgoregio».